rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Interviste

Casartigiani, accordo sulla diffusione della musica

L'associazione ha raggiunto un'intesa con Scf per avere uno sconto sulla tariffa delle imposte

Negli ultimi anni artigiani ed esercenti di pubblici esercizi che diffondono musica nei locali dove esercitano la professione sono stati contattati dalla società SCF, che oltre a quanto già versato alla Siae, richiedeva il pagamento sui diritti per la diffusione sonora. Due perciò le imposte quindi da pagare: una per i diritti d’autore e uno per la diffusione. Una richiesta incomprensibile dal momento che quest’ultima imposta sembrava compresa nel pagamento Siae.

A livello locale e nazionale sono state quindi promosse numerose vertenze con annosi contenziosi che si sono chiusi con un accordo firmato in questi giorni tra SCF - Casartigiani e le altre associazioni imprenditoriali. L’accordo prevede, per chi si trovasse in una situazione di contenzioso, un versamento SCF a chiusura del pregresso e un nuovo versamento 2011 con tariffe scontato per i soci Casartigiani.


Tutti gli artigiani, acconciatori, estetiste, laboratori, ma anche pubblici esercizi e alberghi che diffondono emissioni sonore, nel caso di contenzioso in essere, dovranno entro il 30 aprile 2011 regolarizzare la loro posizione per non incorrere in ulteriori sanzioni. Tutti gli altri dovranno invece versare l’imposta 2011, secondo i nuovi parametri entro il 31 maggio 2011. Presso l’Ufficio Sviluppo Categorie di Casartigiani (tel. 0458622286 int. 2) è possibile avere informazioni ed essere assistiti per la definizione degli importi dovuti nonché la modalità per sanare il pregresso se interessati da contestazioni o fatture inevase. Le tabelle dell’importo da versare sono disponibili anche sul sito www.artigianiverona.it

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casartigiani, accordo sulla diffusione della musica

VeronaSera è in caricamento