Cantieri stradali, aumentano gli infortuni tra gli operai

I dati Inail Verona: aumentano i casi per scarso rispetto delle norme sui luoghi di lavoro

Cantieri stradali, aumentano gli infortuni tra gli operai

Verona è in controtendenza rispetto all’Italia, e al Veneto, in materia di infortuni sul lavoro nei cantieri stradali: nel 2008 si sono registrati 182 incidenti, nel 2009, sono stati 193. Sono dati Inail, considerati in un triennio che parte nel 2007. I numeri assoluti indicano come, in tutta la penisola, agli uffici dell’ente previdenziale infortuni, siano arrivate 14462 segnalazioni, andate riducendosi a 12.092 nel 2009. Ciò che preoccupa sono anche i dati relativi alle frequenze di infortunio, maggiori nel capoluogo scaligero rispetto a tutto il Veneto. Ogni mille addetti 67,42 sono costretti a ricorrere alle cure dei pronto soccorsi contro i 60,38 del Veneto. Dai dati Inail sorprende una cosa, coma ha avuto modo di rilevare Marco Renso, dello Spisal Ulss 22, in occasione della presentazione della campagna informativa sulla prevenzione nei cantieri stradali avviata da Inail e dal Comitato consuntivo provinciale.

“C’è una tendenza codificata alla riduzione quantitativa degli infortuni- spiega Renso- legati perlopiù all’utilizzo di parti meccaniche e alla sicurezza dei macchinari. Aumentano però, inesorabilmente, quelli derivanti dall’organizzazione, che si riferiscono al lavoro armonico in gruppo all’interno del cantiere”. A corredo dell’iniziativa un vademecum in cui vengono riportate tutte le informazioni essenziali per lavorare al sicuro. Entrano in gioco, quindi, gli investimenti, i colpi e gli urti causati dai mezzi d’opera di cantiere, che rappresentano il rischio più elevato cui far fronte. Anche le condizioni di scarsa visibilità e assenza di illuminazione artificiale sono foriere di eventi tragici. C’è quindi la necessità di organizzare correttamente gli spazi, separando le zone di transito dei mezzi da quelle di passaggio pedonale.

Nel manuale informativo si riportano, così, tutti i provvedimenti da attuare per rispettare il proprio lavoro e quello altrui: calzature di sicurezza, casco e abbigliamento ad alta visibilità. E poi, ancora, la caduta di materiale movimentato, in cui il rischio di infortuni gravi, talvolta, si trasforma in un evento mortale. Del progetto di Inail Verona si fa promotrice anche la Provincia, che stamane ha presentato la campagna informativa che a maggio porterà a 15 giorni di incontri, in tutte le aziende aderenti, tra gli esperti sulla sicurezza del lavoro e gli operai. Le aziende che parteciperanno al progetto potranno anche fruire di agevolazioni Inail sui premi da pagare: le imprese avranno diritto ad uno sconto di circa il 30 percento per tutti gli interventi migliorativi in tema di sicurezza.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento