Boom di assenze, Provincia maglia nera del Veneto

I risultati migliori li registrano i Comuni di Bussolengo e San Bonifacio, Bene palazzo Barbieri

Boom di assenze, Provincia maglia nera del Veneto

Andamento altalenante dell'assenteismo nella pubblica amministrazione a dicembre 2010. Nel veronese numeri positivi si alternano a numeri megativi. Il dato migliore lo offre il Comune di Bussolengo, che a dicembre 2010 ha registrato una diminuzione dell'assenteismo dell'85,5%, con 123 dipendenti. Il motivo dell'exploit è il rientro al lavoro di dipendenti che si erano, loro malgrado, dovuti assentare per alcuni mesi per seri motivi di salute. Segue a ruota il Comune di San Bonifacio con una riduzione dell'assenteismo del 64,9%.

Le note dolenti arrivano dal Comune di Sona. Qui, infatti, le assenze sul posto di lavoro sono aumentate del 36,8%. Complici alcune dipendenti in congedo per maternità che hanno "drogato" il dato. Altro capitolo quello delle aziende ospedaliere. La maglia nera va all'Ulss 21 di Legnago, in cui le assenze sono aumentate del 13,5%. Un dato comunque in linea con le aziende venete del settore. Dall'anno precedente, però, è stata inaugurata una politica di smaltimento delle ferie accumulate dai dipendenti dell'azienda. Ciò ha determinato l'inevitabile peggioramento dei dati. Il Comune di Verona, dal canto suo, registra un aumento dell'assenteismo del 4,7%, mentre la Provincia scaligera segna il dato peggiore di tutte le amministrazioni venete affini. Le assenze sono aumentate del 27,9%. Il confronto con la vicina Provincia di Vicenza è impietoso. L'amministrazione berica, infatti, ha registrato una diminuzione dell'assenze del 32,3%.


In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento