rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Gossip

Vino, l'universit scopre il segreto del Gambellara

Il coordinatore Angiolino Maule: Abbiamo recuperato 50 anni di storia grazie a questa ricerca"

Il Vin Santo di Gambellara: unico al mondo proprio perchè finora era sconosciuto il lievito che lo caratterizza. L’ha scoperto, nell’anno internazionale della biodiversità, l’Università di Verona e ha intenzione di chiamarlo Zygosaccharomyces gambellarensis, per legarlo indissolubilmente con il territorio di origine. Questo quanto emerso dal convegno “Progetto di miglioramento dei processi di appassimento e di lavorazione delle uve e caratterizzazione del Vin Santo di Gambellara”, che si è svolto all’interno della cantina Vignato Virgilio a Gambellara. 

Gli scopi di questo progetto pluriennale, iniziato nel 2004, sono stati illustrati in apertura dei lavori dal coordinatore Angiolino Maule, che della ricerca è stato anche promotore e motore: “Abbiamo recuperato 50 anni di storia in cui il Vin Santo sembrava perduto grazie a questa ricerca - ha dichiarato Maule - e abbiamo finalmente fatto un po’ di chiarezza sulle differenze che ci devono essere fra il Recioto e il Vin Santo”.

Alla professoressa Sandra Torriani dell'Ateneo scaligero, l'onere di illustrare al numeroso pubblico la scoperta di questo nuova specie di lievito e l’individuazione di 5 ceppi di lieviti autoctoni che potranno essere utilizzati come valido strumento per gestire al meglio il processo fermentativo, così importante per la qualità del Vin Santo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vino, l'universit scopre il segreto del Gambellara

VeronaSera è in caricamento