Sos caldo, via al piano di prevenzione per anziani

Intesa tra Ulss 21 di Legnago ed enti locali per la sicurezza di over 65 e bambini

Sos caldo, via al piano di prevenzione per anziani

Anche quest’anno l’Azienda Ulss 21 ha predisposto delle linee di azione per far fronte alle ondate di calore, in adesione al "Protocollo per la prevenzione delle patologie da elevata temperatura della popolazione anziana", promosso dalla Regione Veneto. “Si tratta di un piano di intervento -spiega Ferdinando Vaccari, dirigente dell’Unità operativa complessa di cure intermedie- elaborato, concordato e realizzato in raccordo con le amministrazioni degli enti locali, le case di riposo, le associazioni di volontariato, gli enti di promozione sociale, la protezione civile e altri gruppi organizzati dell’ambito territoriale di riferimento, che essendo in contatto stretto con le persone più fragili, sono in grado di conoscerne e di monitorane i bisogni”.

La popolazione a rischio, secondo l'Ulss 21, è quella degli over 65, affetta da patologie croniche invalidanti. In questa fascia di età il rischio aumenta anche in relazione alla condizione di solitudine e fragilità, in particolare a carico dell’apparato respiratorio, cardiovascolare, uro-nefrologico e neurologico; persone non autosufficienti o socialmente isolate.

“Queste tipologie di interventi- spiega il direttore generale dell’Aulss 21, Daniela Carraro- fanno in modo che le persone trovino risposte adeguate ai loro bisogni emergenti, senza arrivare a situazioni drammatiche che rendono necessario il ricorso al Pronto Soccorso. Nell’estate 2009 sono state solo una trentina le segnalazioni d’urgenza, sfuggite quindi alla rete di prevenzione”. Al piano di intervento partecipano attivamente anche i 25 comuni del territorio di competenza dell’Azienda Ulss 21, che hanno reso note le iniziative in programma: dai contatti telefonici per i casi a rischio, all’aumento della disponibilità del servizio di trasporto, dal telesoccorso, alla concessione di climatizzatori portatili in comodato d’uso gratuito. “Come UOC di Cure Intermedie -conclude il dottor Vaccari- garantiamo la disponibilità telefonica al numero 0442 622069, attivo dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 14.00 per tutto il periodo estivo, per ricevere le segnalazioni non ritenute urgenti sul piano sanitario, ma solo per necessità socio assistenziali”.

In supporto alle iniziative locali è attivo 7 giorni su 7, dalle ore 8.00 alle ore 20.00 il numero verde 1500, per fornire consigli e raccomandazioni su come affrontare il caldo estivo ed informazioni utili sui servizi locali.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento