La provinciale per il lago apre tra le polemiche

Miozzi: "Opera lungimirante". Il Pd: "Dubbi sui lavori, convocheremo la commissione strade"

La provinciale per il lago apre tra le polemiche

La strada provinciale 5 è realtà. Stamattina, alle 11e30,  il presidente della Provincia Giovanni Miozzi e l'assessore alla Manutenzione e progettazione viabilistica Carla De Beni hanno dato il via al taglio del nastro per l'inaugurazione del nuovo collegamento Verona-Lago. La cerimonia segna la fine dei lavori per la realizzazione della provinciale 5, che toglie il traffico di attraversamento a Bussolengo e collega più velocemente il capoluogo al lago di Garda.

L'opera, iniziata già nel 2007 e frutto di circa 20 milioni di euro, è stata realizzata per lotti, al fine di renderla compatibile con i programmi di investimento della Provincia negli anni. “Oggi, con grande soddisfazione, ci è permesso di raccogliere i frutti del lavoro che i nostri predecessori avevano già avviato con lungimiranza e impegno -ha dichiarato il presidente Miozzi-. Il nostro piacere è amplificato dal fatto che quest'opera risulta indispensabile proprio perché collocata in un ambito territoriale particolarmente fervido da un punto di vista economico e ricco dal punto di vista turistico-ambientale. Il consenso dei cittadini già a noi esplicitato anche informalmente ci rassicura sull'efficacia della nostra azione politica mirata al soddisfacimento delle necessità degli abitanti del nostro territorio”.

L'alba dell'evento, tuttavia, potrebbe non essere delle più felici. Il Pd provinciale ha sollevato alcuni dubbi sulla reale situazione della strada: "Prendiamo atto- spiega Diego Zardini, capogruppo del centrosinistra al palazzo Scaligero- delle rassicurazioni ottimistiche dell'assessore De Beni che, di fronte al cedimento del terreno a lato della Verona-Lago nel tratto di Bussolengo, non batte ciglio e riconferma l'inaugurazione. Noi, però, vogliamo vederci chiaro e per questo abbiamo presentato richiesta di convocazione della competente commissione per verificare lo stato della strada. Vogliamo avere conferma che i lavori siano stati eseguiti a regola d'arte e che il fondo stradale sia adatto ad assicurare la massima sicurezza per gli automobilisti. Inoltre vogliamo capire che fine abbia fatto il collegamento con la vecchia Sp5, visto che l'unico accesso previsto finora è solo dalla tangenziale". Secondo il Pd, i dubbi sarebbero stati avanzati già due anni fa dal centrodestra, per voce dell'assessore alla Viabilità Andrea Bassi, che aveva ribadito l'importanza del collegamento per evitare "un grosso problema viabilistico all’altezza del casello di Verona Nord”.


A stretto giro, è De Beni a rispondere ai quesiti del Pd in Provincia: “Oggi inauguriamo una strada che è a posto e che svolgerà una grande servizio per la mobilità dei veronesi - afferma - La Verona-Lago è perfettamente funzionante, gli avvallamenti che il manto stradale presenta al momento sono quelli normali del bynder. Come infatti tutti sanno, la bitumatura definitiva e finale verrà fatta solo fra qualche mese, quando cioè l'intero manufatto si sarà assestato. Solo allora sarà tecnicamente possibile avere una superficie perfettamente piatta, al momento la strada è percorribile e con il passaggio dei veicoli si otterrà l'effetto desiderato”.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Verona usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento