Il teatro d'autore arriva in Villa con un doppio evento

Con Carlo Goldoni e Oscar Wilde due serate di emozioni a Villa Venier, a Sommacampagna

Il teatro d'autore arriva in Villa con un doppio evento

Doppio appuntamento con il teatro d'autore a Villa Venier, a Sommacampagna. Mercoledì 6 luglio alle ore 21.15 è di scena lo spettacolo “La Guerra. Un assedio ingarbugliato tra femmine e soldati “ organizzato dalla fondazione Aida. Lo spettacolo, organizzato in collaborazione con il Comune di Sommacampagna – assessorato alla Cultura, porta in scena un Goldoni meno conosciuto, ma già con tutto il suo potenziale d’ironia pronto a divampare in comicità. La Guerra, nella quale ci sono tutti gli ingredienti di circostanza sulla vita quotidiana dei soldati, è l’incipit per parlarci proprio di loro, dei soldati, sempre alla ricerca di emozioni forti, anche lontano dagli strepiti di una battaglia. Goldoni si diverte, con vivace realismo, a disegnare un soldato che, non sopportando la vita, fuori dal pericolo, finisce per regredire in una condizione infantile, che lo induce a buttarsi a capofitto nel vortice di un qualsiasi gioco pur di eccitare i suoi sensi, anche a costo di coprirsi di ridicolo. Biglietto unico di 8 euro.

Giovedì 7 luglio, invece,appuntamento con lo spettacolo "Il principe felice" liberamente tratto da una delle fiabe più note, belle, ironiche e commoventi di Oscar Wilde. La rappresentazione inizierà alle 21.15, sempre in Villa Venier. e sarà preceduto, dalle ore 20 alle 21, da un laboratorio manuale intitolato “La corona del Principe”, dedicato ai bambini dai 6 agli 8 anni che, guidati dagli animatori culturali del Servizio Educativo comunale, potranno imparare a realizzare la propria corona per interpretare in prima persona il loro proprio “Principe”.


Lo spettacolo porta in scena la storia di una profonda amicizia che nasce tra un rondinotto e un principe, ormai statua impreziosita da gioielli pregiati. Amicizia che si evolverà fino a diventare amore e condivisione di una sorte apparentemente amara. Nonostante l'arrivo imminente dell'inverno la rondine rimane per aiutare il principe a distribuire le sue ricchezze ai poveri della città, dei quali non si era mai accorto perché costretto a vivere perennemente dentro le mura del suo invalicabile castello. Sul palcoscenico due attori che narrano, si muovono, cantano, e dalle cui mani, dal nulla, come per magia, utilizzando pezzi di carta e cartoncino, tutto nasce e la storia si dipana. Sotto gli occhi dello spettatore si formano nuvole, rondini, angeli e fiori. Uno spettacolo dolce, vivace, ironico e commovente proprio come lo è la fiaba capolavoro di Oscar Wilde. Biglietto unico di 5 euro.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento