Dalla Regione 50mila euro ai Comuni lessini

Finanziamenti per 700mila euro dedicati alla manutenzione ambientale, personale e servizi

Dalla Regione 50mila euro ai Comuni lessini
Ammontano a 687 mila euro complessivi i contributi che la Giunta regionale, nella seduta di ieri , su proposta dell’assessore agli enti locali Roberto Ciambetti, ha erogato per il 2010 alle Comunità Montane per finanziare la gestione dell’esercizio di funzioni comunali ad esse delegate dai Comuni associati. Entro la data del 30 aprile scorso hanno presentato domanda di contributo diciotto Comunità montane per un totale di 144 Comuni. Questi ultimi hanno scelto la gestione associata principalmente per le funzioni attinenti i servizi sociali, la manutenzione ambientale, i servizi informatici, la protezione civile, la gestione del personale, le entrate tributarie, i servizi culturali (biblioteche). All'interno del provvedimento 20mila euro sono andati all'ente della Lessinia, mentre 39mila euro dedicati alla comunità del Baldo.

Tale gestione deve essere garantita per un periodo non inferiore ai cinque anni e nell’erogazione dei contributi sono state privilegiate le Comunità Montane che sono state delegate dal maggior numero di Comuni appartenenti alle stesse. “Abbiamo ritenuto di privilegiare le forme di gestione sovra comunale – spiega l’assessore Ciambetti – perché costituiscono la strada maestra per la razionalizzazione nella gestione dei servizi, senza penalizzare i cittadini. Bisogna garantire qualità e standard elevati di intervento e ciò sarà possibile solo attivando sinergie che permettano economie e risparmi. Razionalizzare la spesa attraverso gestioni associate significa recuperare risorse senza colpire i cittadini e ciò assume una rilevanza straordinaria soprattutto nell’area montana, dove il vivere non è facile e comporta sacrifici”.

"Che questa azione riguardi ben 144 Comuni raggruppati nelle 18 Comunità montane ammesse al contributo – ha concluso Ciambetti – è importante, perché la gestione associata permette ai singoli Comuni di mantenere la propria identità, pur abbattendo costi nell’erogazione di servizi effettuati appunto tra più amministrazioni”. Questo il riparto dei contributi: Comunità Montane della Provincia di Belluno: Agordina, euro 40.749; Alpago, euro 88.688; Belluno – Ponte nelle Alpi, euro 24.413; Cadore – Longaronese – Zoldo, euro 54.793; Centro Cadore, euro 40.418; Comelico e Sappada, euro 31.323; Valle del Boite, euro 30.511; Feltrina, euro 72.608; Val Belluna, euro 54.791. Comunità Montane della Provincia di Vicenza: Agno – Chiampo, euro 14.554; Alto Astico e Posina, euro 47.752; Dall’astico al Brenta, euro 32.762; Brenta, euro 46.470; Spettabile Reggenza dei Sette Comuni, euro 35.153; Leogra – Timonchio, euro 6.123. Comunità Montane della Provincia di Verona: Lessinia, euro 19.442; Baldo, euro 29.104. Comunità Montane della Provincia di Treviso: Prealpi Trevigiane, euro 17.847.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento