Bilancio della Provincia ok "Il Patto di stabilit ci frena"

Il Sole24Ore ha stilato la classifica degli Enti virtuosi: amministrazione Miozzi seconda in Veneto

Bilancio della Provincia ok "Il Patto di stabilit ci frena"
La Provincia scaligera è fra gli Enti meno indebitati. Ammonta a 176,8 euro per abitante il carico dell'indebitamento provinciale, contro il 194,7 euro della media nazionale. Meglio di Verona, in Veneto, ha fatto solo Venezia, con un dato di 138,4 euro. Sono tutte dietro le altre cinque Province, con punte di indebitamento pro capite che arrivano fino ai 305 euro di Padova. I dati aggiornati sono stati pubblicati da una classifica del Sole24Ore.

“Il Sole24Ore attesta quello che già sapevamo e cioè che la Provincia di Verona è ben al di sotto dell'indebitamento medio delle Province italiane - ha dichiarato il presidente della Provincia Giovanni Miozzi - Ma oltre a confermarci ente virtuoso con soli 127 milioni di mutui, si ribadisce la correttezza del nostro bilancio di previsione dell'anno in corso che si è dimostrato assolutamente in linea con l'andamento dell'economia reale. Anzi, sul fronte delle entrate correnti abbiamo registrato un aumento rispetto alle stime. Per il 2011 rispetteremo quindi il Patto di stabilità e a questa soddisfazione aggiungiamo quella di aver tenuto sotto controllo il debito, i risparmi che avremo dagli interessi passivi verranno reinvestiti in servizi e infrastrutture sul territorio”.

“Il riconoscimento del Sole24Ore rende giustizia a tutti gli sforzi che abbiamo fatto in questo mandato - dichiara l'assessore al Bilancio Stefano Marcolini - Abbiamo ridotto l'indebitamento da 193 a 127 milioni. Un impegno che continueremo anche nel 2012 abbattendo ulteriormente i nostri mutui. Verona è sicuramente un esempio di buona amministrazione e di come la gestione finanziaria attenta può far risparmiare all'Ente il carico degli interessi passivi. Ricordo che l'indebitamento della Provincia di Verona è assolutamente sotto alla sua potenzialità di esposizione, mentre ci sono purtroppo in altre parti del Paese enti pubblici che si sono già indebitati anche per noi. Ciò che diventa veramente importante per gli Enti virtuosi come il nostro è dunque la possibilità di spendere i fondi che abbiamo. Il Patto di stabilità a oggi ci tratta tutti allo stesso modo e noi non possiamo reinvestire sul territorio risorse di cui disponiamo. La situazione deve cambiare”.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento