A Legnago gli studenti anti-alcolismo

La prevenzione parte dalle scuole. A dimostrarlo un'iniziativa dell'Ulss 21

A Legnago gli studenti anti-alcolismo

A fronte delle notizie che continuano a ripetersi a livello nazionale e locale sull'allargarsi del fenomeno di abuso d'alcool da parte dei giovani, a Legnago proprio i giovani dimostrano invece di aver capito bene quali sono i rischi legati all'alcolismo. Quegli studenti che, a chiusura del mese della prevenzione alcologica, il Gruppo prevenzione del Servizio dipendenze di Legnago dell’Azienda Ulss 21 (che è formato dalla psicologa psicoterapeuta Paola Schiavi e le educatrici professionali Giovanna Zanchi e Roberta Tarocco) ieri ha infatti premiato per la loro partecipazione attiva agli incontri dei progetti di prevenzione dei comportamenti a rischio, in particolare riguardo l’abuso di alcol. Etilometri monouso e magliette del progetto “Giochi Puliti” sono andati alla classe BA (insegnante di lettere, Laura Chiorboli, e di educazione fisica, Maurizio Merlin) dell’Istituto “Giuseppe Medici” di Legnago, che ha raggiunto il maggior punteggio nel questionario di apprendimento (17 su 18 studenti hanno risposto correttamente a 11 domande su 11).


Coinvolti nel progetto anche l’ENAIP, l’IPSIA “G.Giorgi” di Bovolone e ISI “L. da Vinci”. L’evento - realizzato a conclusione dell’attività svolta con i progetti: “Re…stare in Te…sta” e del progetto provinciale "Gli incidenti stradali nella Provincia di Verona. Analisi, cause, conseguenze e prevenzione"- ha previsto anche una visita al Servizio Dipendenze per porre domande, soddisfare curiosità, dubbi sulle dipendenze e conoscere come lavorano gli operatori di un Servizio Territoriale. Alla fine delle premiazioni è stato offerto au ragazzi anche un aperitivo. Ovviamente rigorosamente analcolico.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento