Parco Regionale della Lessinia, arriva la prima carta dei sentieri naturalistici

Una mappa molto particolare perché è la prima ad essere pubblicata relativamente ad un parco regionale Veneto

© Vuvueffino

La Regione Veneto offre una ricchezza naturalistica unica nel suo genere, che rappresenta uno dei principali elementi di identità della Regione stessa. Si contano per l’esattezza ben cinque parchi regionali e un parco nazionale tutti distinti tra loro per l’eterogeneità degli ambienti naturali e la ricchezza di biodiversità. Senza dimenticare le numerose riserve naturali e Parchi di Interesse Locale. Tra i parchi regionali va sicuramente segnalato il parco naturale Regionale della Lessinia.
 

Proprio riguardo quest’ultimo, lo scorso 16 gennaio a palazzo Scaligero, l’Assessore allo Sport e al Turismo Ruggero Pozzani ha presentato la nuova mappa dei sentieri della Lessinia. Una mappa molto particolare perché è la prima ad essere pubblicata relativamente ad un parco regionale Veneto. «L’Altopiano della Lessinia, uno dei parchi più caratteristici e suggestivi del territorio, è un’area che da oggi può contare sulla nuova mappa dei sentieri finalizzata a fornire una guida chiara e diretta per nuove escursioni e percorsi naturalistici, ha affermato con grande soddisfazione l’Assessore Pozzani. «Questo rappresenta un elemento molto importante che, in questo momento, può sicuramente favorire le visite e attirare nuovi escursionisti in Valpolicella. Disponrre di una cartina speciale dei nostri sentieri montani, infatti, consente di valorizzare il nostro entroterra».
 

La mappa è stata realizzata dall’editore specializzato Tabacco, in collaborazione con la Regione Veneto e grazie al sostegno della Fondazione Cariverona e contiene tutti i sentieri montani del parco.
 

Ma non è tutto. A breve, ha spiegato l’Assessore nel corso della conferenza stampa, sarà disponibile un’applicazione per smartphone che permetterà di scaricare le sezioni di sentiero interessate, complete di indicazioni di tutto ciò che si può trovare. Questi strumenti sono fondamentali per incentivare quella particolare forma di turismo, detta responsabile, più attenta all’ambiente che si sta facendo largo anche nel nostro Paese e nel Veneto in particolare. La regione, infatti, non è avara di proposte per una vacanza ecofriendly: dalla visita-degustazione alle cantine dei colli euganei o del territorio del Valdobiadene, alle gite a cavallo alle porte della città, dalle escursioni nei parchi naturali e nelle aree delle risorgive, alle innumerevoli realtà delle fattorie didattiche.
 

Il parco regionale della Lessinia, Istituito nel 1990, presenta una varietà di ambienti vegetazionali differenti tra loro, da esplorare a piedi, in mountain-bike o a cavallo. Tantissimi, infatti, sono gli itinerari dedicati agli amanti delle due ruote attraverso boschi, pascoli, malghe e contrade suggestive. Percorsi dedicati ai più allenati ma anche alle famiglie, per trascorrere una giornata diversa lontano dal traffico della città.
 

Per gli amanti della due ruote che non inquina sono presenti, infatti, delle strutture (hotel, pensioni, bed & breakfast, campeggi, ostelli, agriturismi, rifugi montani, residence, alberghi diffusi) che offrono tantissimi servizi a chi decide di utilizzare questo strumento per spostarsi: sono strutture accoglienti, in cui le bici possono rimanere al sicuro durante la notte, che danno informazioni utili sugli stessi percorsi ciclabili e in cui c’è una piccola officina per poter far fronte ad ogni eventualità. La Fiab, Federazione Italiana Amici della Bicicletta, ha creato un sito, Albergabici, dove si possono trovare tutte quelle strutture amiche delle biciclette. Solo a Verona ce ne sono ben 53, alcune delle quali si possono trovare anche nei comuni di Dolcè e di Fumane, all’interno del Parco regionale della Lessinia. 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento