Inquinamento elettromagnetico, bene la provincia Veronese

"Controllo dell'inquinamento elettromagnetico sul territorio della Regione Veneto": giunto alla sua undicesima edizione, questo rapporto dell'Arpa si pone l'obiettivo di fornire una adeguata conoscenza sullo stato dell'insediamento delle fonti inquinanti per quanto concerne i campi elettromagnetici sul territorio regionale

È la generazione di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici artificiali, cioè non attribuibili al naturale fondo terrestre o ad eventi naturali: parliamo dell’inquinamento elettromagnetico. Questo tipo di inquinamento è stato, spesso, oggetto di discussione e sono stati fatti studi scientifici sugli effetti provocati dall’eccessiva esposizione alle radiazioni elettromagnetiche sull’uomo, sugli animali e sulle piante. La lunga esposizione a queste onde può, infatti, avere degli effetti negativi sulla salute umana come cancro, riduzione della fertilità, perdita di memoria e cambiamenti negativi nel comportamento e nello sviluppo dei bambini. Tuttavia l’effettiva entità del rischio non è ancora nota.
 

In questo ambito la normativa nazionale di riferimento è la Legge quadro n 36 del 2001 “Legge quadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici”. Questa ha avuto lo scopo di dettare i principi fondamentali diretti a: assicurare la tutela della salute dei lavoratori, delle lavoratrici e della popolazione dagli effetti dell’esposizione a determinati livelli di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici ai sensi e nel rispetto dell’articolo 32 della Costituzione italiana; promuovere la ricerca scientifica per la valutazione degli effetti a lungo termine e attivare misure di cautela; assicurare la tutela dell’ambiente e del paesaggio e promuovere l’innovazione tecnologica e le azioni di risanamento volte a minimizzare l’intensità e gli effetti dei campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici secondo le migliori tecnologie disponibili. La tutela della salute, in particolare, secondo la norma quadro, va conseguita attraverso la definizione di tre differenti limiti (limiti di esposizione, valori di attenzione e obiettivi di qualità) per gli impianti fissi sorgenti di inquinamento elettromagnetico ambientale.
 

La Regione Veneto ogni anno fa uscire un rapporto sul “controllo dell’inquinamento elettromagnetico sul territorio della Regione Veneto”. Il rapporto giunto alla sua undicesima edizione, è predisposto dall’Arpa Veneto con l’obiettivo di fornire una adeguata conoscenza sullo stato dell’insediamento delle fonti inquinanti per quanto concerne i campi elettromagnetici sul territorio regionale.
 

Secondo il Rapporto, per quanto concerne le radiofrequenze, il numero totale nella Regione di impianti di telefonia mobile si attesta a 5315 (Dati Arpav aggiornati al 31/12/2012). Un numero che nel corso degli anni ha mantenuto una crescita costante. Nella sola Verona sono presenti ben 1003 stazioni, prima provincia a livello Regionale. Per questi 1003 stazioni, ci sono stati ben 185 pareri preventivi rilasciati dall’Arpa Veneto. Questi pareri consentono una attività continua e aggiornata di verifica degli impianti già attivati e l’individuazione delle zone in cui i livelli di campo elettrico sono più elevati, permettendo in questo modo di indirizzare le misure sperimentali verso quei siti che presentano maggiori criticità. Dal 1996 al 2013 il limite di legge per l’esposizione è stato superato 7 volte e tutti i siti dove questo è successo sono stati risanati. A Verona nello stesso arco temporale, non è mai stato superato il limite consentito per legge. Nel corso del 2012, sottolinea infine l’Agenzia, non è stato riscontrato nessun nuovo superamento da parte degli impianti di telefonia mobile.
 

Per quanto riguarda gli impianti radiotelevisivi, questi risultano essere 2130 in tutto il Veneto. Tali impianti sono raggruppati a formare 504 siti. Nella sola provincia veronese sono presenti 466 impianti radiotelevisivi per un totale di 110 siti. Dal 1998 ad oggi sono stati riscontrati a livello Regionale 73 superamenti, di cui 63, pari all’83%, risanati. Nella sola Verona ci sono stati 9 superamenti del limite imposto dalla legge, tutti risanati
 

Per quanto concerne, infine, i campi elettromagnetici a bassa frequenza (elettrodotti) nel corso del 2011 e 2012 sono stati riscontrati 13 nuovi superamenti presso delle scuole in tutte le province venete ad esclusione di Verona. 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento