Ville venete in provincia di Verona: Villa Del Bene a Volargne di Dolcè

Il complesso oggi è completamente restaurato e visitabile da tutti. È infatti di proprietà pubblica. Bellissimi gli affreschi che decorano le stanze interne

Uno degli affreschi

Sorge sulla sponda est dell'Adige ed è collegata al fiume da un viale di cipressi. È una villa del XV secolo, appartenuta prima ad Antonio Malfatti e poi venduta alla famiglia Del Bene che la trasformò nel complesso oggi restaurato e visitabile liberamente. È infatti di proprietà pubblica

L'ingresso è un monumentale portone attributo a Michele Sanmicheli e quando lo si attraversa si accede a due piccoli cortile delimitati, uno in cui si entra nella parte più antica dell'edificio, l'altro invece che porta alla torre colombara. All'apparenza è più simile alle ville della Valpolicella che a quelle in stile veneziano. Al piano terra è presente un portico e in alto una loggia. Rimane però presente la classica disposizione degli spazi interni delle ville venete, con il salone centrale da cui di si diramano a destra e a sinistra le altre stanze.

Fu Giovanni Del Bene a volere la decorazione degli interni e ancora oggi è possibile ammirare diversi cicli di affreschi, sia sulla scala che porta al piano nobile, sia nelle stanze e nella loggia della villa. Gli autori sono nomi noti dell'arte veronese, da Giovanni Caroto a Domenico Brusasorzi.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento