Lunedì, 17 Maggio 2021
Blog Centro storico / Corso Cavour

Infortuni domestici, il vademecum dell'Osservatorio Vega per evitarli

Nelle case italiane continuano a verificarsi ogni anno oltre tre milioni di infortuni e il 70,4% di tutti gli incidenti vede come vittima una donna

Foto di repertorio

Il rischio continua ad essere sottovalutato. Eppure nelle case italiane continuano a verificarsi ogni anno oltre tre milioni di infortuni, il 70,4% di tutti gli incidenti vede come vittima una donna, oltre un terzo degli incidenti (36%) riguarda un over 65 anni e il 4,5% ha come vittima un bambino sotto i 5 anni.
Questi sono i più recenti dati forniti dall'Istat (2016) riassunti da Mauro Rossato, presidente dell'Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega, per riportare sotto i riflettori l'epidemiologia di un'emergenza per la quale, probabilmente, non si sta facendo abbastanza sul fronte della prevenzione. «Una grave lacuna che sarebbe anche facile da colmare - spiega Rossato - dal momento che si conoscono più che bene le principali cause e le vittime maggiormente coinvolte».

Per questo l'Osservatorio Vega ha realizzato un vademecum per la sicurezza domestica, basato su di una regola fondamentale: non abbassare mai la guardia e avere sempre la consapevolezza di tutti i rischi presenti in un'abitazione.

Le buone prassi per evitare il rischio caduta sono:
1) Evitare di lasciare in giro per casa fili elettrici o prolunghe, aumentano il rischio di inciampare;
2) Riporre gli oggetti o gli indumenti di uso corrente nella parte bassa degli armadi;
3) Usare tappeti antiscivolo in bagno e mancorrenti vicino alla vasca/doccia;
4) Evitare di fare il bagno/doccia se si è soli in casa (soprattutto se anziani);
5) Usare scale (a norma di sicurezza) non sedie o tavoli;
6) Non salire sulle scale portatili se non indispensabile se si è soli in casa;
7) Fissare i tappeti a pavimento con le retine adatte, specie quelli intorno al letto;
8) Usa calzature consone e comode, dall’appoggio stabile e sicuro;
9) Evitare di usare la cera per pulire i pavimenti;
10) Evita la fretta e la troppa sicurezza;
11) Per tutelare i bambini: posizionare cancelletti in casa per rendere inaccessibili le scale; rialzare parapetti e ringhiere di poggioli o terrazzi, e munire le finestre di sistemi di bloccaggio. Inoltre non lasciare sedie, sgabelli o altri mobiletti che il bambino possa utilizzare come gradini.

Le buone prassi per evitare il rischio folgorazione ed incendio:
1) Assicurarsi che gli impianti elettrici domestici abbiano una buona messa a terra e vi sia il “salva vita” al contatore;
2) Non tirare il cavo per togliere la spina e non sovraccaricare le prese. Non inserire a forza prese tedesche in prese italiane ma usare appositi adattatori;
3) Staccare la presa di tv, computer, antenna, ecc., durante i temporali;
4) Pulire gli elettrodomestici dopo averli staccati dalla presa di corrente;
5) Non usare il phon vicino all’acqua né con il pavimento bagnato;
6) Non tenere tessuti d’arredo vicino a fornelli, caldaie e stufe non avvicinarsi ai fornelli con vestiti sintetici svolazzanti;
7) Tenere in casa un piccolo estintore;
8) Tenere in luogo sicuro prodotti infiammabili come alcol;
9) Non schermare lampadine e corpi illuminanti con carta o tessuti;
10) Non fumare a letto;
11) Disinserire la corrente elettrica anche se si deve cambiare una semplice lampadina;
12) Usa calzature consone e comode, dall’appoggio stabile e sicuro;
13) Evita la fretta e la troppa sicurezza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infortuni domestici, il vademecum dell'Osservatorio Vega per evitarli

VeronaSera è in caricamento