rotate-mobile
Lunedì, 17 Giugno 2024
Blog Centro storico / Corso Cavour

Uomini illustri della storia di Verona: l'architetto Michele Sanmicheli

Muove i suoi primi passi da architetto nel Lazio, dopo essersi formato a Roma. La sua eredità non è fatta solo di opere, ma anche di quel gusto che poi ha influenzato un altro genio veneto, il Palladio.

Nato a Verona nel 1484 perché la sua famiglia ci si trasferì, altrimenti sarebbe nato sul Lago di Como e chissà che vita avrebbe vissuto. Probabilmente però le sue aspirazioni non sarebbero state diverse, dato che è nella sua famiglia di muratori e architetti che cominciò la sua formazione, poi perfezionata a Roma.

La sua vita da architetto comincia lontano da casa, nella seconda decade del 1500, con collaborazioni per edifici sacri come il duomo di Orvieto e il duomo di Montefiascone, nel Lazio. A Orvieto si dedica anche alla costruizione di palazzi, attività che gli darà più soddisfazioni quando tornerà a Verona, dopo il sacco di Roma avvenuto nel 1527. Nel frattempo, il genio eclettico di Sanmicheli gli permette di lavorare anche agli edifici militari dello Stato Pontificio in Emilia-Romagna.

Diventa architetto militare della Repubblica di Venezia, con cui collabora per progettare e rafforzare le fortificazioni in tutto il territorio, partendo da Verona, fino ad arrivare a quelle che adesso si trovano in territorio croato come a Zara e addirittura nelle isole greche di Corfù e Creta. 

Nel frattempo si dedica anche ad edifici civili e religiosi. Senza Sanmicheli, Verona non potrebbe vantarsi di avere strutture così belle e funzionali come Porta Nuova, Porta San Zeno e Porta Palio, ma anche Palazzo Canossa e Palazzo Bevilacqua in corso Cavour. E alcune sue creazioni purtroppo sono state distrutte, come il Ponte Nuovo, che non ha resistito all'inondazione del 1882, oppure il Lazzaretto, di cui restano solo i ruderi dopo la seconda guerra mondiale.

Ma l'eredità del Sanmicheli non è fatta solo di opere, ma anche di idee. Si può dire che alla sua morte, avvenuta nel 1559, l'architettura classicista partita da Roma, si è potuta espandere in tutto il Nord Italia grazie anche al suo contributo. Contributo senza il quale non sarebbe poi potuto nascere un altro genio veneto dell'architettura, il Palladio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uomini illustri della storia di Verona: l'architetto Michele Sanmicheli

VeronaSera è in caricamento