A Mozzecane, i raggi ultravioletti disinfettano l'acqua di scarico

Approvato il progetto definitivo per l'adeguamento funzionale del depuratore

(Foto di repertorio)

Approvato il progetto definitivo per l'adeguamento funzionale del depuratore di Mozzecane. Il Comitato Istituzionale del Consiglio di Bacino Veronese, presieduto da Claudio Melotti (presidente e sindaco di Bosco Chiesanuova) e composto da Bruno Fanton (assessore di Cerea), Marco Padovani (assessore di Verona), Giampaolo Provoli (sindaco di San Bonifacio) e Luca Sebastiano (sindaco di Lazise), ha vagliato il progetto di Acque Veronesi, che ha un costo di 280.000 euro.

L'intervento riguarda l'adeguamento tecnologico del depuratore esistente per l'affinamento dei reflui scaricati, al fine di garantire il rispetto dei limiti allo scarico per i parametri microbiologici e prevede la realizzazione del comparto di filtrazione finale e del comparto di disinfezione a raggi ultravioletti, una tecnica esistente dagli anni Novanta, ma che a Mozzecane ancora non era stata applicata.

Come in tutti i depuratori, che convogliano l'acqua di scarico per depurarla, sono diverse le fasi di depurazione. Il progetto prevede che dall'impianto esistente, dotato dei tradizionali trattamenti iniziali di grigliatura e dissabbiatura, e del trattamento biologico a fanghi attivati rimozione dell'azoto, si aggiungano la filtrazione finale su tela e la disinfezione con raggi UV. In modo da avere un'acqua che scarica nella Fossa Fontanone con parametri sotto i limiti di legge.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento