Modi di dire di Verona e provincia: essere ai passi del poro Limon

Lo si dice di qualcuno che si trova in una brutta situazione. Il Limon in questione non è un uomo in carne ed ossa, ma è la personificazione del limone

Tradotto in modo letterale dal dialetto all'italiano vuol dire "trovarsi nelle condizioni del povero Limone". Lo si dice di qualcuno sfibrato dalle avversità, che si trova in una situazione brutta che non accenna a migliorare.

Il povero Limone in realtà non è un uomo realmente esistito, ma è la personificazione del limone. L'aggettivo "povero" usato prima di un nome proprio significa che la persona in questione è morta e di solito prima di buttarlo via, un limone viene ben spremuto per ricavarne il succo. E ciò che resta di un limone spremuto è la buccia.

È questa la metafora su cui si basa il modo di dire "essere ai passi del poro Limon", un po' come dire a qualcuno che assomiglia ad un limone dopo che è stato spremuto. A volte però lo si usa anche in termini assoluti, come a significare "peggio di così non può andare".

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento