Lo strano gioco del balletto dell'Amt

Tempi stretti per la nomina del presidente. E c' chi tira in ballo i milioni della filovia

Lo strano gioco del balletto dell'Amt
Se fosse un gioco, ci piacerebbe conoscerne le regole. Perché il balletto dell’Amt, per il momento, un po’ ci diverte ma un po’ ci lascia anche di sasso. Come quando guardi alla tv uno sport che conosci poco, e ti piace anche, ma poi non sei sicuro di aver ben capito cosa vogliono dire quegli strani segni sul campo, o quei movimenti dei giocatori, o perché l’arbitro fischia quella tal cosa.

Ecco, quello che sta succedendo in Amt in questi giorni è più o meno uguale: il tira e molla sulla convocazione del cda, per indire l'assemblea dei soci e procedere così a nominare il presidente, lascerebbe di stucco anche i più scafati della politica. Il presidente uscente, Massimo Mariotti, prima è rimasto a guardare, alimentando i sospetti dei maligni su un possibile dispettuccio nei confronti del suo successore designato, ovvero Germano Zanella, poi di colpo, incalzato dall’assessore, ha convocato il cda, ovviamente quello uscente, esattamente nel momento in cui veniva convocato anche l’altro cda, quello nuovo.

Due al prezzo di uno, il primo per giovedì l’altro per venerdì. Cui prodest tanto agitarsi sotto il sole? I maligni, sempre loro, guarda caso tirano in ballo i milioni della filovia. E si sa, come diceva qualcuno, che a pensar male…

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
VeronaSera è in caricamento