Previsioni del tempo popolari: il barometro pubblico all'esterno di San Giovanni in Foro

È una lastra presente in un angolo esterno della chiesa, sul lato di Corso Porta Borsari. Se è asciutta vuol dire che il tempo sarà bello; se è bagnata, il tempo sarà brutto

(Foto Gmaps)

È una delle tante leggende che circolano tra le vie di Verona. E la via in questione non è neanche così secondaria: si tratta infatti di Corso Porta Borsari. Questa strada centralissima della città fa angolo con vicolo San Giovanni in Foro, vicolo che prende il suo nome dalla chiesa posta proprio all'angolo con Corso Porta Borsari.

Passeggiando per Corso Porta Borsari si passa costeggia dunque la chiesa di San Giovanni in Foro che su questo lato offre un ingresso, ma anche una bellissima opera del pittore Domenico Brusasorzi, una "Deposizione" visibile tra le due grandi finestre della chiesa. Ma la particolarità di questo lato esterno della chiesa è un sarcofago, posto vicino all'angolo. Sotto questo sarcofago, c'è una lastra a cui tutti riconoscono una virtù speciale: quella di prevedere le condizioni meteorologiche. Tecnicamente viene definita "pietra igrometrica", ovvero una pietra capace di misurare l'umidità nell'aria. E avvicinandosi si può vedere come sia stata più volte toccata dai veronesi nei secoli, tanto da essersi leggermente consumata.

Il modo in cui questa lastra predice che tempo farà è molto semplice. Toccandola si sente se è asciutta, allora il tempo sarà buono, oppure bagnata, quindi pioverà.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento