La scuola dura? Forma il carattere

Ad anno scolastico chiuso si pensa agli esami e l'inasprimento dei giudizi non pu che far bene

La scuola dura? Forma il carattere
Si è chiuso l’anno scolastico, un anno difficile come pochi. Le novità introdotte nel mondo scolastico hanno stravolto la vita sia degli studenti che di insegnanti ed operatori. Riguardo ai giovani, il futuro della nostra terra e del nostro bel paese, sono cambiati i criteri di ammissione agli esami di stato.

E’ molto più difficile da quest’anno partecipare a quelli che una volta erano chiamatio esami di maturità, e chi scrive ricorda con molta nostalgia quei tempi. Tempi nei quali le mamme erano sempre dalla parte dei genitori, tempi nei quali se si prendeva un brutto voto a casa si prendeva “il resto”. Mentre oggi si è capovolto tutto, con i genitori preoccupati per la salute psicofisica dei figli, che si presentano davanti ai professori se solo questi si azzardano a dare un brutto volto al proprio pargolo.

Secondo noi “l’inasprimento” dei criteri di giudizio dei nostri giovani studenti non può che far bene ai giovani stessi, troppo “addolciti”, se così pssiamo dire, in una vita agiata ed eccessivamente piena di svaghi. Se veramente vogliamo dare una svolta meritocratica a questo paese, allora non critichiamo chi fa studiare di più i ragazzi, ma chi li premia ingiustamente.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
VeronaSera è in caricamento