rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
VeronaSera

Opinioni

VeronaSera

Redazione VeronaSera

Colpo di fulmine padano con la vecchia Dc

Il ponte intitolato a Mariano Rumor apre nuovi orizzonti nelle strategie leghiste?

Carlo Giovanardi, Alfredo Meocci, Antonio Pastorello; solo per fare qualche nome. Il sindaco ultra-leghista Flavio Tosi, proprio lui, ha riunito pezzi di vecchia nomenclatura della Democrazia cristiana per renedere omaggio al più democristiano dei politici veneti, Mariano Rumor, segretario dello scudocrociato e cinque volte presidente del Consiglio.

Uno che tra l’altro non è nemmeno veronese, ma vicentino. Eppure proprio a Rumor la giunta targata Tosi ha deciso di intitolare il ponte sull’Adige a Porto San Pancrazio. Insomma, come se la vecchia balena bianca avesse di colpo trovato qualche punto di  contatto con i padani.

E tutto questo mentre Totò Cuffaro, anche lui di chiare origini democristiane, accettava senza battere ciglio la sentenza definitiva di condanna, entrando con le proprie gambe in carcere, senza inveire contro i giudici nè minacciarli. Ecco, le due circostanze ovviamente non hanno alcun legame tra loro. Ma è come se la vecchia, sepolta prima Repubblica avesse di colpo fatto corto circuito con l’Italia derelitta e rassegnata di questi giorni. Ma si stava meglio quando si stava peggio?

Colpo di fulmine padano con la vecchia Dc

VeronaSera è in caricamento