Blog San Zeno / Via Carmelitani Scalzi

Chiese a Verona: Santa Teresa degli Scalzi, nota come Chiesa degli Scalzi

Particolare per la sua pianta ottagonale con tre altari. L'interno è in perfetto stile barocco, mentre la facciata è molto sobria e impreziosita da tre statue

Si trova in via Carmelitani Scalzi ed è dedicata a Santa Teresa, la patrona degli Scalzi. Non è quindi un caso che per tutti i veronesi sia la Chiesa degli Scalzi, anche perché la sua storia è perfettamente intrecciata alla storia di quest'ordine religioso.

I primi Carmelitani Scalzi sono arrivati a Verona nel 1663 e furono ospitati in un convento domenicano. Grazie ad alcune donazioni ecclesiastiche, i Carmelitani riuscirono ad ottenere uno spazio tutto loro e dopo tre anni dal loro arrivo cominciarono i lavori di costruzione di una chiesa e di un convento. La chiesa, ancora senza la facciata, fu completata quasi un secolo dopo e fu intitolata alla Vergine Annunziata. Successivamente anche la facciata fu realizzata e l'intitolazione cambiò prima a San Gabriele Arcangelo e poi finalmente a Santa Teresa d'Avila.

L'arrivo di Napoleone, agli inizi dell'800 portò alla chiusura del convento che dal 1883 venne utilizzato come carcere e poi distrutto sotto i bombardamenti della seconda guerra mondiale.

Dal punto di vista artistico, la facciata della Chiesa degli Scalzi si presenta molto sobria, impreziosita però dalla presenza di tre statue. L'interno invece è molto più sfarzoso e in stile barocco. Particolare è la pianta della chiesa a forma ottagonale, con tre altari, due laterali e uno frontale. Originariamente, in uno dei due altari laterali era conservata una pala raffigurante San Giovanni prostrato davanti al Salvatore insieme ai poveri questuanti. Nell'altare maggiore invece si trova un'annunciazione dipinta da Antonio Balestra.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiese a Verona: Santa Teresa degli Scalzi, nota come Chiesa degli Scalzi

VeronaSera è in caricamento