Tutte le opere delle collezioni dei Musei Civici di Verona in tre volumi

Un catalogo scientifico su dipinti e miniature appartenenti alle collezioni comunali d'arte, realizzato dal Comune di Verona-Musei Civici in collaborazione con Agsm e Amici dei civici musei d'arte di Verona

Castelvecchio (Foto di repertorio)

Saranno finalmente visibili al pubblico tutte le collezioni dei Musei Civici di Verona. L’occasione è offerta dalla pubblicazione, strutturata in tre volumi, di un catalogo scientifico su tutti i dipinti e le miniature appartenenti alle collezioni comunali d'arte.
L'opera è realizzata dal Comune di Verona-Musei Civici in collaborazione con Agsm e Amici dei civici musei d'arte di Verona.

La collezione dei dipinti antichi dei Musei Civici comprende circa 2.900 opere, delle quali poco meno di cinquecento sono oggi accessibili al pubblico e agli studiosi nelle due sedi del Museo di Castelvecchio e del Museo degli Affreschi "Cavalcaselle" alla Tomba di Giulietta. Questo patrimonio è in gran parte poco conosciuto, perché la divulgazione e la ricerca hanno sempre privilegiato la collezione esposta permanentemente.

La pubblicazione di un catalogo completo era, quindi, attesa da lungo tempo. Il progetto prevede tre volumi disposti in ordine cronologico.
Il primo, pubblicato nel 2010, comprende le opere databili tra la fine del X e l'inizio del XVI secolo, in totale 400 schede.
Il secondo, che contiene seicento schede, si concentra invece sul secolo più ricco e documentato della tradizione artistica cittadina, dal 1530 circa alla peste del 1630. Oltre al gruppo dei dipinti di Paolo Caliari e della sua bottega, sono presenti opere dei più importanti pittori veronesi del periodo, da Paolo Farinati a Domenico e Felice Brusasorzi, agli artisti usciti dalla scuola di quest’ultimo come Sante Creara, Claudio Ridolfi, Pasquale Ottino, Alessandro Turchi, Marcantonio Bassetti. Significativi anche il nucleo della pittura veneta e di quella nordica, fiamminga e olandese.
Nel terzo volume, infine, saranno raccolti i dipinti del Seicento e del Settecento.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento