rotate-mobile

Alluvione, cronaca di un disastro fin troppo annunciato

Si sapeva quello che poteva accadere: lo avevamo anticipato noi, ora lo sa anche la procura

Lo avevamo anticipato anche noi, su queste stesse pagine: l’allarme alluvione c’era da anni, al punto che si sapeva benissimo dove e come sarebbero potuti tracimare quei fiumi. Adesso lo sa anche la procura di Verona, che ha aperto un’inchiesta contro ignoti con l’ipotesi di reato di disastro colposo.

A fornire tutta la documentazione è stata Legambiente, che ha portato sul tavolo del procuratore Mario Giulio Schinaia i carteggi dell’Autorità di bacino nazionale dell’Adige, dove si individuano le aree a rischio idraulico. Documento del 2005. Il conto non è difficile da fare: cinque anni fa.

C’era tutto scritto, tutto previsto, nei minimi dettagli. Non solo, ma venivano anche indicate le possibili soluzioni, senza le quali si sarebbe potuto avere “danni gravi per i centri abitati e gli insediamenti produttivi”. Insomma, si sapeva tutto. Lo avevamo anticipato noi, ora lo sa anche la procura. Ma allora perchè si è fatto finta di niente? Solo perchè, come ha detto qualcuno, sistemare gli argini di un torrente non porta voti?
Si parla di

Alluvione, cronaca di un disastro fin troppo annunciato

VeronaSera è in caricamento