Acqua del rubinetto, dal Comune il buon esempio

Per la giornata mondiale dell'acqua, Palazzo Barbieri apre all'iniziativa

Acqua del rubinetto, dal Comune il buon esempio
Lunedì prossima sarà la Giornata mondiale dell'acqua promossa dalle Nazioni Unite. Fino a novembre, per sensibilizzare sul consumo di acqua di rubinetto, sui muri della nostra città compariranno 2.500. Di questi, 300 saranno affissi in ambulatori e distretti sanitari. E a Palazzo Barbieri si dà il buon esempio: via le bottigliette di plastica, d'ora in avanti si berrà solo dalla brocca.

L'acqua di Verona è tra le più buone d'Italia, 6 mila controlli l'anno ne garantiscono la sicurezza. Parola di Giovanni Miozzi, vicepresidente di Acque Veronesi. In più "fa risparmiare all'incirca 300 euro l'anno". Lo dice l'assessore all'ecologia Federico Sboarina, promotore insieme ad Acque Veronesi dell'iniziativa di sensibilizzazione in vista della giornata mondiale voluta dall'Onu.

E per prepararsi all'evento anche a Palazzo Barbieri hanno deciso di far sparire le bottigliette d'acqua. D'ora in avanti si berrà solo dalle brocche, acqua di rubinetto. Domenica, Acque Veronesi sarà nelle principali piazze per illustrare ai cittadini i benefici dell'acqua di rubinetto regalando brocche in vetro, libri e kit diffusori per il risparmio idrico. E anche l'Ulss 20, come controllore esterno, ha dato le proprie indicazioni sull'acqua di rubinetto. "Le analisi mostrano l'assenza di elementi patogeni - spiega Linda Chioffi, direttore del Sian (Servizio igiene alimenti e nutrizione) dell'Ulss 20. "La presenza di calcare disciolto nell'acqua - spiega - se può creare qualche problema agli elettrodomestici, non ha alcun effetto negativo sulla nostra salute".

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
VeronaSera è in caricamento