"L'Italia suonò": il flashmob radiofonico che ci unisce da nord a sud

Venerdì 20 Marzo alle 18.05: Accendiamo la radio!

immagine generica

Da un’idea di Matteo Sandri, speaker radiofonico di Radio Verona e Radio Vicenza nonché ideatore del progetto “Is Good For You”, nasce l’iniziativa “l’Italia suonò”.

L’Italia suonò

Dopo i flash mob sui “Balconi d’Italia”, in un momento di grande apprensione per l’emergenza sanitaria che ha investito il nostro Paese in queste ultime settimane, anche la Radio vuole fare la sua parte con un abbraccio simbolico tra tutte le radio italiane e i loro radioascoltatori. La canzone scelta per l’appuntamento di Venerdì 20 Marzo è “Vivere” di Vasco Rossi. Alle 18.05 tutte le radio aderenti all’iniziativa trasmetteranno il pezzo del grande rocker italiano.

“Vivere e sorridere dei guai, così come non hai fatto mai e poi pensare che domani sarà sempre meglio” In poche ore l’iniziativa di Matteo ha avuto un grande successo, tant’è che molti altri si sono affiancati con progetti paralleli e già più di 100 radio italiane hanno preso parte a questo “flashmob radiofonico”.

Le emittenti che vorranno aderire potranno contattare info@isgoodforyou.net per maggiori dettagli e per ricevere le grafiche personalizzabili con il logo della radio da inserire sui social network.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

radio-4

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • A Verona 5 nuovi morti positivi al coronavirus: crescono a 514 i ricoveri, di cui 103 in intensiva 

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

  • Altri 81 casi positivi al coronavirus nel Veronese, sono saliti a 1.228

  • «Focolaio di Coronavirus nel carcere di Verona: una quindicina di agenti positivi»

  • In Veneto 125 minorenni positivi al coronavirus, 18 sono veronesi

Torna su
VeronaSera è in caricamento