menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Amagin

Amagin

Nasce a Verona Amagin: il primo gin a base di Amarone

Amagin: l'amore per il buon vino e il buon Gin non è mai stato così in simbiosi

Nasce proprio a Verona, AmaGin, il primo gin che amalgama la classe del Gin alla regalità dell’Amarone. L’essenza di AmaGin nasce da botaniche pregiate infuse con le uve derivanti dal processo di vinificazione da cui si ottiene il prestigioso vino Amarone della Valpolicella, eccellenza Italiana riconosciuta nel mondo. 

Come nasce AmaGin

Da sempre siamo grandi appassionati di gin e abbiamo pensato che un gin a base di Amarone avrebbe dato una veste del tutto originale a queste due eccellenze apprezzate nel mondo. Nella vita ci occupiamo di altro, ma abbiamo voluto dare vita a questo prodotto per essere i primi a creare un connubio tra il gin e il maestoso Amarone, vino con una storia importante, un’eccellenza italiana senza eguali. Per creare questo “sodalizio” siamo in società con un partner strategico: la Zenato Winery, uno dei principali produttori di Amarone della Valpolicella e una delle famiglie pioniere e ambasciatrici nel mondo di questo vino. La Zenato fornisce le preziose vinacce derivanti dal lungo processo di vinificazione dell’Amarone, che vengono poi consegnate ai mastri distillatori della Distilleria Fratelli Pisoni, risalente a metà ‘800 nelle vicinanze di Trento, in luce della loro grande esperienza nella distillazione di questa materia prima molto rara e preziosa. Per la definizione della ricetta perfetta sono state testate innumerevoli combinazioni di botaniche, aggiustando le percentuali dei diversi ingredienti fino a trovare la combinazione ideale. Allo stesso tempo, venivano aggiunte quantità più o meno intense di gocce di Amarone per ottenere il colore rosato che distingue questo prodotto da tutti gli altri.

Le botaniche di AmaGin

La botaniche vengono distillate con tecnica di infusione a freddo in acqua sgorgata dalle Dolomiti del Brenta, che ha mineralità e purezza uniche per la perfetta riuscita del gin. Si tratta di un processo completamente artigianale e che si avvale di tecniche sviluppate in tempi antichi.

Dopo sei mesi di prove, oltre alle vinacce dell’Amarone abbiamo selezionato poche ma pregiate botaniche: ovviamente il Ginepro, seguito dal Bergamotto italiano, Liquirizia dell’Asia Centrale e da sfumature di Cannella. In questo modo abbiamo donato al gin un retrogusto speziato e note agrumate, che hanno il ruolo fondamentale di legare le botaniche, ma senza sovrapporsi ai sentori dell’Amarone.

Packaging di AmaGin

Per custodire il distillato in una bottiglia all’altezza, abbiamo dato luce a un progetto artistico con Serafino Rudari, un artista importante che ha creato dei disegni interamente fatti a mano che sono poi stati serigrafati in rilievo sulla bottiglia.

Alla base della scena vi è un’antica vigna di Amarone dai lunghi rami e grappoli appesi, elemento su cui ruota il progetto. Aggrappato alla vigna vi è Romeo che si protrae verso il balcone di Giulietta, rappresentando l’antica storia Shakespeariana e trasmettendo un’idea di legame e desiderio.

Grazie a questi elementi del brand che richiamano l’arte e il teatro, siamo stati contattati da importanti realtà culturali legate alla Biennale di Venezia per la realizzazione di uno spettacolo teatrale con protagonista proprio AmaGin.

L’elemento dell’arte non è presente solamente nell’incisione sulla bottiglia, ma è anche stampato in laminato rosa sull’astuccio nero opaco. L’astuccio inoltre ha un riquadro aperto che mostra la serigrafia sulla bottiglia e il colore rosato del gin.

Il packaging è molto sofisticato e l’abbiamo studiato a lungo. Anche il tappo contiene il dettaglio delle iniziali del brand con in mezzo un grappolo d’uva.Grazie all’interessenza di tutti questi elementi e concetti, vogliamo trasmettere, ancora prima di assaggiare il gin, idea di esclusività ed eleganza che distingue il nostro prodotto da tutti gli altri.- concludono i produttori

Quali sono i cocktail preparare con AmaGin

Abbiamo lavorato alla creazione di diversi cocktail con uno dei migliori barman d’Italia e attualmente nostro brand ambassador, Claudio Perinelli, i quali sono anche rappresentati tramite diverse foto e video pubblicati sui nostri canali social. Personalmente io amo molto la combo vino Amarone per cena e AmaGin & Tonic per il dopocena.

I drink:

Amaperitivo:

  • 45ml AmaGin
  • 45ml Vermouth Rosso
  • 5ml Sciroppo di Cannella
  • 2 dash Bitter alla Liquirizia
  • Garnish: Scorza di Arancia, Ciliegina

Tecnica: Throwing; Bicchiere: Old Fashioned

AmaGin&Tonic:

  • 45ml AmaGin
  • 1 Acqua Tonica
  • Scorza di Limone o Bergamotto
  • Uva Passa o Uvetta
  • Garnish: Scorza di Limone o Bergamotto, Uva Passa

Tecnica: Build; Bicchiere: Calice da Vino

AmaGimlet:

  • 45ml AmaGin
  • 25ml Succo di Lime Fresco
  • 15ml Sciroppo di Melograno
  • Olii Essenziali di Limone e Splash Ginger Ale
  • Garnish: Spirale Lime, Menta, Alloro, Lampone

Tecnica: Shake and Strain; Bicchiere: Collins Glass

AmaGin Sour:

  • 35ml AmaGin
  • 15ml Liquore Bergamotto
  • 25ml Succo Lime Fresco
  • 15ml Sciroppo di Zucchero
  • 2dash Bitter al Cardamomo
  • Garnish: Arancia, Bitter

Tecnica: Shake and Strain; Bicchiere: Coppetta New Era

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento