rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da Valeggio sul Mincio, Metz canta la storia della pandemia di Covid-19

Mattia Aldrovandi, 28enne veronese, presenta il suo pezzo da solista: «Questo pezzo è nato come un’esigenza naturale, un bisogno di esorcizzare questo delicato momento della mia vita, della nostra vita»

“Andrà tutto bene”: non è solo un mantra che continuiamo a ripeterci da Marzo, ma anche il titolo del nuovo singolo di Mattia Aldrovandi, in arte Metz.
Ventotto anni, originario di Valeggio sul Mincio, dove ha mosso i suoi primi passi nella musica come batterista alla scuola CEA, chitarra e voce nel gruppo indie-folk Shehungryluv, Mattia inizia ora un nuovo percorso da solista in italiano.

“Andrà tutto bene” è un pezzo nato quasi per caso. Un groviglio di sentimenti ed emozioni che si traducono in musica e parole, arrivando direttamente alla pancia di chi ascolta.

Andrà tutto bene
Torneremo A ballare
Ma ora sento sirene
E sono quelle vere come iene
Tornerà il luna park
Riapriranno anche i bar
E saremo ancora i re
Delle città
Ma ti ricordi un anno fa

La canzone racconta una storia collettiva, in cui è facile identificarsi. Una storia fatta di incertezze, paure, ricordi e speranze.
Incertezze e paure verso un nemico invisibile che ci ha costretto in casa, destabilizzandoci completamente da un giorno all’altro.
Ricordi di momenti di intimità e famiglia, di una vicinanza che tanto ci manca e che sembra così lontana.
Speranze in un futuro più sereno e “normale”, in cui potremo tornare a fare progetti.

«È stata una questione di pochi giorni. È stata una sorpresa anche per me. Questo pezzo è nato come un’esigenza naturale, un bisogno di esorcizzare questo delicato momento della mia vita, della nostra vita».

Il brano è stato registrato e prodotto tra le luci soffuse della taverna di casa Aldrovandi. Il videoclip è stato girato dallo stesso Mattia con lo smartphone, in un giorno qualunque, senza copione, con la sola pretesa di far sorridere, “che ne abbiamo tutti bisogno”.
Tutto sa di casa e di cose semplici, e ci fa sentire immediatamente più vicini e meno soli.

Canale Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCa_LHLqN5J8R-4a8lWRaVJw
Instagram: https://www.instagram.com/metzofficial/

Missaggio e mastering: Simone Laurino
Elaborazione grafica: Irene Albertini
Copywriting: Giulia Simionato

Sullo stesso argomento

Video popolari

Da Valeggio sul Mincio, Metz canta la storia della pandemia di Covid-19

VeronaSera è in caricamento