menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine generica

Immagine generica

Santa Lucia: Verona tra tradizione e leggenda

Scopri la vera storia della Santa che porta i doni ai bambini

La leggenda narra che intorno il XIII secolo a Verona si era diffusa una grave ed incurabile epidemia di “mal d’occhi” che aveva  colpito specialmente i bambini della città. I cittadini allarmati, avevano così deciso di domandare la grazia a Santa Lucia. Fu così che il popolo compì un pellegrinaggio a piedi scalzi e senza mantello, fino alla chiesa di S. Agnese, dedicata anche alla martire siracusana, sede oggi di Palazzo Barbieri. Ma a causa del freddo i bambini veronesi non volevano  partecipare alla processione, i genitori per convincerli promisero loro che, se avessero ubbidito accettando di unirsi al pellegrinaggio la Santa avrebbe fatto trovare, al loro ritorno, tantissimi regali. I fanciulli accettarono felici e l’epidemia terminò subito.

Da quel momento in poi la leggenda si fece tradizione e il 13 dicembre i genitori portano in chiesa i bambini per ricevere una benedizione degli occhi.

Ma non finisce qui, nei secoli, si è tramandata  la tradizione che ogni notte del 12 dicembre, i bambini aspettano l’arrivo della Santa che porta loro tantissimi doni e dolcetti a bordo di un asinello volante, sempre accompagnata dal suo fedele aiutante Gastaldo. 

Tradizione vuole inoltre che si lasci un piatto sul tavolo della cucina con del cibo e del fieno per far ristorare sia la Santa che i suoi fedeli compagni. Il 12 notte i bimbi vanno a letto presto per evitare di incrociare per casa Santa Lucia che, si dice, accechi con la cenere i bambini che trova ancora svegli. La mattina del 13, Santa Lucia fa trovare loro tutti i regali desiderati.

Fiera

Nel corso del '900 in concomitanza con la ricorrenza di Santa Lucia, si è venuta a creare a Verona la tradizione di dare vita alla grande fiera che proprio nei tre giorni precedenti il 13 dicembre si svolge tra Piazza Bra, via Roma e piazza Cittadella, riempite dai cosiddetti “bancheti de Santa Lussia" che offrono a tutti gli interessati la possibilità di gustare specialità enogastronomiche o di acquistare prodotti tipici artigianali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

  • Casa

    Bollette luce e gas: come ottenere la rettifica

  • Formazione

    Quali sono le soft skills più richieste nel 2021? Come apprenderle

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento