EMOY: la startup che cattura le tue emozioni appena entri in negozio

Scopri tutta la verità sulla startup che promette di aumentare le vendite, leggendo le tue emozioni

Immagine generica

Alla fiera Ces di Las Vegas, la più importante al mondo dedicata alla tecnologia, era presente pure EMOJ, una delle 20 più promettenti startup italiane, con 40 esperti in Intelligenza Artificiale e strategie per la trasformazione digitale del Retail.

La startup che attraverso il riconoscimento facciale interpreta le tue emozioni, è stata  fondata da Maura Mengoni, docente di Ingegneria meccanica e Progettazione industriale alla Politecnica, eletta da Wired Italia, tra le prime 50 persone più influenti dell’anno.

Emoj può essere utilizzata ogni qualvolta si voglia conoscere l'attitudine del consumatore ad acquistare un determinato prodotto. Il softwer,infatti, contribuisce  a creare  interazione sociale e condivisione di emozioni in ogni spazio fisico e virtuale, facendolo diventare sensibile ed empatico con le persone. L'obiettivo della startup, è quello, di trasformare il mondo dell'esperienza del consumatore, e ispirare  i marchi a creare esperienze digitali di successo per aumentare le vendite.

 Chi è EMOJ?

EMOJ è nato nel 2017 come spin-off dell'Università Politecnica delle Marche, grazie all'unione di cervelli di ricercatori e professori: Marco Matteucci, Luca Giraldi, Andrea Generosi, Roberto Pierdicca, Emanuele Frontoni, Maura Mengoni e Valerio Placidi.

Come funziona Emoj?

Attraverso una serie di telecamere installate nei negozi, il software interpreta le “emozioni” del cliente quando si trova in prossimità di uno specifico prodotto o brand . In tempo reale verranno proposte delle reazioni, come ad esempio, la variazioni di luce, suoni, proiezioni di video e l’attivazione di servizi personalizzati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'obiettivo di Emoj

L'obiettivo è quello di creare un legame duraturo con il cliente. Come?  Catturando l’attenzione del cliente, suscitando empatia e coinvolgimento e  creando uno stato di benessere psico-fisico, che lasci un piacevole ricordo dell’esperienza vissuta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nel Veronese le persone "positive" sfiorano le 1800 unità

  • A Verona 5 nuovi morti positivi al coronavirus: crescono a 514 i ricoveri, di cui 103 in intensiva 

  • Tre nuovi morti positivi al coronavirus a Verona: toccata quota 100 ricoveri in intensiva

  • «Focolaio di Coronavirus nel carcere di Verona: una quindicina di agenti positivi»

  • In Veneto 125 minorenni positivi al coronavirus, 18 sono veronesi

  • Un successo la spesa a Km Zero a domicilio dei produttori veronesi

Torna su
VeronaSera è in caricamento