rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Scuola Villafranca di Verona / Via Magenta

Aule modulari nel cortile del liceo Medi per fronteggiare l'emergenza Covid-19

Gli spazi prefabbricati ricavati all'esterno della scuola di Villafranca saranno a disposizione anche del vicino Anti: «Sono una delle tante risposte che la Provincia ha dato per garantire le lezioni in presenza e con il corretto distanziamento durante l’emergenza Covid»

È oramai prossima l'apertura delle nuove aule modulari posizionate nel cortile esterno del Liceo Medi di Villafranca di Verona, utili a garantire ulteriori spazi scolastici durante questa emergenza sanitaria dovuta alla diffusione del Covid-19. 
Nella giornata di martedì 18 gennaio si è tenuto il sopralluogo a cui sono intervenuti il presidente della Provincia di Verona, Manuel Scalzotto, il sindaco Roberto Dall’Oca, il dirigente scolastico Marco Squarzoni e i tecnici del Palazzo Scaligero.

I moduli prefabbricati a noleggio, consegnati da due diverse ditte durante le vacanze di Natale, poggiano su una platea realizzata dalla Provincia in dicembre. Nei giorni scorsi, invece, sono terminati i lavori agli impianti elettrici, idrici e fognature.
La struttura (riscaldata e con una superficie coperta di oltre 500 metri quadrati) accoglie sette aule di 60 metri quadrati, già complete di arredi scolastici, un atrio di ingresso e un blocco bagni. Le aule, inoltre, presentano tutte un’uscita di sicurezza sul cortile.
Gli spazi saranno a disposizione del Medi e del vicino Anti, mentre nei prossimi giorni sono attese le ultime certificazioni sulla sicurezza necessarie per l’ingresso degli studenti.
Tra febbraio e marzo una struttura “gemella” (dal costo di 200 mila euro, pari a quello per Villafranca) verrà posizionata presso l’istituto Dal Cero di San Bonifacio.

Sopralluogo Medi 01-2

«Strutture modulari come questa, più accoglienti delle tensostrutture, sono una delle tante risposte che la Provincia ha dato per garantire le lezioni in presenza e con il corretto distanziamento durante l’emergenza Covid-19 – ha sottolineato il Presidente Manuel Scalzotto –. La pandemia ci ha abituati a continui cambi di rotta, a decreti e circolari che cercano di adeguarsi allo sviluppo non sempre prevedibile dei contagi. Queste, come gli spazi che abbiamo affittato in diversi comuni, sono soluzioni d’emergenza per l’emergenza. Parallelamente stiamo pianificando interventi a medio e lungo termine per gli istituti veronesi che al momento mostrano un trend di crescita della popolazione scolastica che si è valutato possa protrarsi nel tempo. Uno dei progetti più importanti riguarda il polo di Villafranca, dove stiamo programmando un ampliamento proprio dell'istituto Medi. Ringrazio il Consigliere David Di Michele che, nei mesi scorsi, ha seguito giorno per giorno il tema del rientro in classe in emergenza».

«La Provincia ha fornito una risposta concreta alle esigenze di crescita, costante nel tempo, di questo polo degli istituti superiori – ha affermato il Sindaco Dall’Oca –. Risposta che va oltre le strutture temporanee installate queste settimane: infatti il Palazzo Scaligero ha già dato il via alle attività per la progettazione dell'ampliamento del liceo per un valore ipotizzato di 5 milioni di euro».

«La struttura è luminosa e accogliente, le aule ampie: siamo soddisfatti della soluzione individuata dalla Provincia – ha affermato il Dirigente Squarzoni –. Questi moduli scolastici ci permetteranno di gestire la quotidianità con gli spazi adeguati, sia in emergenza che per le nostre necessità ordinarie, ricordando che il Medi conta più classi che aule disponibili».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aule modulari nel cortile del liceo Medi per fronteggiare l'emergenza Covid-19

VeronaSera è in caricamento