rotate-mobile
Giovedì, 29 Febbraio 2024
Salute Borgo Roma / Piazzale Ludovico Antonio Scuro

Tumore del distretto testa-collo: visite gratuite a Borgo Roma per promuovere la diagnosi precoce

Torna in presenza dopo lo stop di due anni imposto dal Covid-19 la campagna europea "Make Sense Campaign", che si terrà dal 19 al 23 settembre

Dopo due edizioni svoltesi in modalità digitale a causa della pandemia da Covid-19, torna in presenza dal 19 al 23 settembre "Make Sense Campaign", la campagna europea di educazione e sensibilizzazione alla diagnosi precoce dei tumori del distretto testa-collo, promossa in Italia dall’Associazione Italiana di Oncologia Cervico-Cefalica (AIOCC).

L’Unità Operativa Complessa di Otorinolaringoiatria dell'ospedale di Borgo Roma (Edificio Nord, 1° Piano, presso MDA Ambulatoriale Polispecialistico, ambulatorio n. 34) aderisce all’iniziativa offrendo visite ORL gratuite (fino ad esaurimento posti) da lunedì 19 a venerdì 23 settembre, previa prenotazione (senza impegnativa) inviando un’email all'indirizzo otorinolaringoiatria.ocm@aovr.veneto.it .
Al termine della visita, sarà rilasciato un referto manuale per il medico curante.

"Hai la testa a posto?" è il motto dell'edizione italiana 2022 della Make Sense Campaign, un monito a porre attenzione ai sintomi dei carcinomi cervico-cefalici, spesso ignorati o associati a malattie stagionali come un comune mal di gola o a un raffreddore. Una rapida comprensione dei sintomi della malattia è cruciale per una diagnosi precoce, in presenza della quale il tasso di sopravvivenza sale all’80-90%, contro un'aspettativa di vita di soli 5 anni per coloro che la scoprono in fase avanzata.

Per carcinoma cervico-cefalico (o del testa-collo) si intendono tutti i tumori che si sviluppano nell’area della testa e del collo ad esclusione di occhi, orecchie, cervello ed esofago. È il settimo tumore più comune in Europa, con un’incidenza di circa la metà rispetto al cancro del polmone ma di due volte superiore a quello del collo dell’utero. Solo in Italia infatti, nel 2020, 9.900 persone hanno ricevuto una diagnosi di tumore testa-collo e 4.100 non sono sopravvissute alla malattia. I principali fattori di rischio per lo sviluppo di questi carcinomi (in particolare per quelli del cavo orale, dell'orofaringe, dell'ipofaringe e della laringe) sono alcol e tabacco, cattiva igiene orale e insufficiente consumo di frutta e verdura.

"1per3" è la regola da tenere sempre a mente. Se presente anche solo uno di questi sintomi per tre settimane o più, è necessario rivolgersi al medico: dolore alla lingua, ulcere che non guariscono e/o macchie rosse o bianche in bocca; dolore alla gola; raucedine persistente; dolore e/o difficoltà a deglutire; gonfiore del collo; naso chiuso da un lato e/o perdita di sangue dal naso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tumore del distretto testa-collo: visite gratuite a Borgo Roma per promuovere la diagnosi precoce

VeronaSera è in caricamento