Diabete, colpiti oltre 60 mila veronesi: sale il numero di neonati e bambini

Misurazioni gratuite della glicemia si terranno in piazza Brà a Verona domenica 3 novembre, mentre dall'11 al 16 la campagna dei controlli si sposterà nelle farmacie cittadine: questo in occasione della Giornata mondiale dedicata a questa patologia

Immagine generica

Una domenica di controlli gratuiti in piazza e una settimana di check-up nelle farmacie. Ma anche Gran Guardia e Torre dei Lamberti illuminate di blu.

In occasione della Giornata mondiale del diabete, che si celebra in tutto il mondo il 14 novembre, Verona fa squadra per promuovere la prevenzione, non solo tra gli adulti ma anche per i bambini.

Domenica 3 novembre, dalle 9 alle 18, in piazza Bra, si potrà misurare gratuitamente la glicemia. Saranno presenti medici e infermieri della Diabetologia di Verona, i volontari della Croce Verde e i rappresentanti dell’associazione Diabetici Verona, che forniranno informazioni e spiegazioni. E sono invitate anche le famiglie con i loro bimbi. In aumento, infatti, i casi di neonati e bambini diabetici. Due i segnali ai quali i genitori devono fare attenzione: la frequente sete e il bisogno di andare al bagno spesso.

Inoltre, alla Gran Guardia, a partire dalle 9, si terrà il convegno scientifico ad indirizzo diabetologico e malattie del metabolismo, organizzato da AGD Verona Giovani e Sport in collaborazione con l’U.O.C. di Pediatria dell'Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona. Una mattinata di confronto finalizzata ad approfondire le problematiche medico-psicosociali che colpiscono le famiglie e i ragazzi con diabete di T.1. Per iscrizioni mandare un sms e whatsApp al 328 1366587 entro il 31 ottobre – informazioni al link.

Dall’11 al 16 novembre, invece, la campagna di controlli si sposterà nelle farmacie cittadine, che forniranno il servizio di misurazione della glicemia in regime di autoanalisi, mentre i farmacisti compileranno per ciascun utente un questionario anonimo. Le farmacie aderenti saranno riconoscibili dalle locandine esposte.

Sono oltre 60 mila, di cui quasi 20 mila solo in città, i veronesi che soffrono di diabete, una malattia cronica, talora invalidante e potenzialmente letale, per questo il sistema sanitario si occupa della prevenzione e della diagnosi precoce della malattia, per una efficace prevenzione delle complicanze acute e croniche tramite una cura ottimale.

Ulteriori informazioni sul sito www.veronadiabete.org.

Le iniziative, che rientrano nel “Progetto Verona Diabete”, sono state presentata giovedì mattina, dall’assessore ai Servizi sociali Stefano Bertacco. Presenti il presidente dell’associazione Diabetici Verona Cristiano Farronato, il presidente dell’associazione Giovani e Diabete Verona Fabiano Marra, il direttore generale dell’AOUI Verona Francesco Cobello, il direttore UOC Pediatria ad indirizzo Diabetico AOUI Verona Claudio Maffei, la vicepresidente Federfarma Nadia Segala, il presidente Agec Roberto Niccolai e Francesca Vanzo di Agsm.

«Informare la popolazione – spiega l’assessore Bertacco – è il primo passo per accrescere l’attenzione sul problema e prevenire nelle persone l’insorgenza di questa malattia. Ogni anno, grazie ai controlli, numerose persone scoprono di essere affette dalla patologia prima di arrivare ad avere sintomi invalidanti. Ecco perché è importante sottoporsi ai controlli e fare prevenzione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 15 al 17 novembre 2019

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

  • Guai per una cooperativa: scovati 240 lavoratori irregolari e 7 in "nero"

  • Rapina finita nel sangue: chiude il centro del paese per ricostruire l'omicidio

  • McDonald’s: apre il ristorante di Bussolengo

  • Tamponamento tra auto e tir, sei feriti: uno è grave. Coinvolti due bambini

Torna su
VeronaSera è in caricamento