Clavicola rotta per la terza volta: la clinica San Francesco rimette in sella il ciclista Zardini

«Voglio ringraziare il dottor Perazzini e tutto il suo staff per l’ottimo lavoro. Mi sento già bene e sono pronto a ricominciare», ha detto il ciclista professionista Edoardo Zardini

Il Dott. Perazzini della Clinica San Francesco a Verona

Tornerà in sella in tempi record. Dalla disperazione per l'ennesimo infortunio al sollievo per essere stato curato da una struttura d’eccellenza: Edoardo Zardini, ciclista professionista, è stato operato alla clavicola dal chirurgo ortopedico Piergiuseppe Perazzini Responsabile dell’unità funzionale di ortopedia e traumatologia della Clinica San Francesco di Verona. Lo scorso 11 luglio si era rotto per la terza volta la clavicola, a seguito di una brutta caduta in allenamento. Ora già vede la sella: potrà infatti tornare a pedalare tra poche settimane. È stato infatti dimesso qualche giorno fa dalla Clinica San Francesco, dopo essersi sottoposto ad un intervento chirurgico alla spalla e adesso Edoardo sta bene. Tra 15 giorni, dopo una massiva riabilitazione, sarà pronto a tornare ad allenarsi.

Edoardo, 30 anni e ciclista professionista, aveva già rotto la clavicola nel 2018 durante la tappa dell’Etna del Giro d’Italia, stavolta si stava allenando sulla statale 12 verso Domegliara quando all’improvviso si è trovato davanti un cane e l’impatto è stato inevitabile, è caduto e le radiografie hanno confermato la frattura della clavicola sinistra. «Si è trattato di intervenire chirurgicamente su una frattura pluriframmentata di una clavicola che si era già rotta due volte. - spiega il dottor Perazzini - Infatti abbiamo trovato diverse aderenze dei tessuti, e tessuti cicatriziali frutto dei precedenti interventi. Ci siamo mossi lungo i tessuti cicatrizzati e le superfici ossee fratturate in precedenza, cercando di devascolarizzare il meno possibile i frammenti riducendo la frattura e stabilizzandola con una placca e delle viti. Adesso Edoardo dovrà per qualche giorno tenere la spalla immobilizzata e dovrà quindi sottoporsi ad una riabilitazione passiva. Successivamente, per le prossime tre settimane svolgerà una riabilitazione attiva e potrà così tornare ad allenarsi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Edoardo Zardini
Edoardo Zardini, ciclista professionista

«Adesso sto bene. - afferma Edoardo - Voglio ringraziare il dottor Perazzini e tutto il suo staff per l’ottimo lavoro e perché mi hanno fatto sentire come a casa. Mi sento già bene e sono pronto a ricominciare». «La caduta è arrivata nel momento peggiore della stagione ma fortunatamente Edoardo si è affidato ad una struttura d’eccellenza come la Clinica San Francesco di Verona. - conclude Angelo Citracca, team manager Vini Zabù – KTM - Serietà e professionalità al servizio di un grande corridore e di un ragazzo speciale che speriamo di poter vedere presto di nuovo in corsa».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, crescono contagi a Verona. Una nuova vittima in Veneto

  • L'Aifa autorizza la sperimentazione sul vaccino anti Covid-19: si farà a Verona

  • Il post Facebook del sindaco di Verona Sboarina sul virus e gli sbarchi dei migranti

  • Coronavirus: boom di contagiati in Veneto, fra cui pochi veronesi

  • Morto a 37 anni sulla A22, l'appello della moglie: «Cerco testimoni dell'incidente»

  • Ancora un violento temporale e forte vento nella notte su Verona e provincia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento