L'influenza del Junk Food sull'obesità e rischio cardiovascolare nei bambini

La ricerca ha riguardato 300 bambini veronesi delle classi III e IV di quattro scuole primarie del distretto di Verona sud ed è stata condotta dall’ateneo scaligero e finanziata dal Ministero della salute, la regione Veneto e l’AOUI

Immagine generica

Il cibo da “fast food” come possibile rischio per la salute dei bambini tra i 7 e i 10 anni. Questo è solo uno dei risultati emersi dalla ricerca “Relazione tra abitudini alimentari, attività fisica e parametri antropometrici e vascolari nei bambini che frequentano la scuola primaria nel distretto sud di Verona”, condotta dall’ateneo scaligero e finanziata dal Ministero della salute, la regione Veneto e l’Azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona, che è stata di recente pubblicata sulla rivista scientifica “Nutrients”.

I RISULTATI - Cristiano Fava, docente di Medicina interna nel dipartimento di Medicina, e primo firmatario della ricerca, in collaborazione con Claudio Maffeis, del dipartimento di Scienze Chirurgiche Odontostomatologiche e Materno-Infantili, ha guidato il gruppo di lavoro che ha studiato la diffusione dell’obesità tra 300 bambini veronesi delle classi III e IV di quattro scuole primarie del distretto di Verona sud. Dei bambini inclusi, di età compresa tra 7 e 10 anni ed equamente divisi tra maschi e femmine, ben il 13,6% risultava obeso e il 20% sovrappeso; la pressione si rivelava alta nel 21,6% dei casi. La ricerca ha quindi mostrato come l’assunzione di determinati cibi possa influire sulla salute: è da favorire il consumo di frutta fresca e secca, che rappresenta un possibile effetto protettivo nei confronti della glicemia; al contrario, quei bambini che consumavano in maggior quantità il cibo da “fast food” risultavano più inclini ad avere delle arterie rigide ovvero soggette a precoce invecchiamento, correlato ad un aumento del rischio cardiovascolare in età adulta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Gli studi effettuati e le correlazioni trovate tra le abitudini culinarie dei bambini e la loro salute - spiega Fava -, assieme ai numeri in crescita dei casi di obesità in età infantile, ci hanno portato a suggerire l’importanza di interventi tesi a migliorare ciò che i bambini mangiano e a favorire l’attività fisica costante in età scolare, in modo da evitare problemi cardiovascolari in età adulta».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Provincia baciata dalla fortuna al SuperEnalotto: vinti oltre 40 mila euro

  • Cardiologia di Verona verso il futuro: impiantato il primo pacemaker invisibile

  • La «protesta silente» che rischia di passare sotto silenzio andata in scena anche a Verona

  • Covid-19: un tampone positivo e un decesso nel Veronese, ma i dati restano positivi

  • 'Ndrangheta a Verona, blitz della polizia: 23 arresti e 3 obblighi di firma

Torna su
VeronaSera è in caricamento