menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La presentazione dell'app

La presentazione dell'app

Interventi chirurgici all'ospedale di Negrar, pazienti seguiti con una app

La nuova applicazione digitale è una sorta di diario che assume una funzione sia nella fase pre- sia in quella post-operatoria ed è stata presentata nel corso del congresso nazionale sulla chirurgia del tumore del retto

Un'app che aiuta il paziente ad affrontare l'intervento chirurgico nelle migliori condizioni fisiche e lo supporta, in diretto contatto con il medico, prima del ricovero e dopo la dimissione. A realizzarla, nell'ambito della chirurgia colo-rettale, è la chirurgia generale dell'ospedale Sacro Cuore Don Calabria di Negrar, diretta dal dottor Giacomo Ruffo.

L'applicazione digitale è stata presentata nel corso del congresso nazionale sulla chirurgia del tumore del retto che si è tenuto nel Palazzo della Gran Guardia a Verona. Il meeting scientifico, giunto alla quarta edizione e organizzato dal dottor Ruffo, ha avuto tra i temi principali la qualità di vita del paziente sottoposto a chirurgia per tumore del retto. Si tratta di una delle neoplasie più diffuse nei paesi occidentali: nel 2019 sono previste in Italia 15mila nuove diagnosi, 1.200 nel Veneto, 200 quelle stimate nella provincia di Verona.
Nonostante l'approccio chirurgico mini-invasivo (chirurgia laparoscopica e robotica) si sia, ormai da alcuni anni, imposto come la metodica più efficace e conservativa per il trattamento di questa neoplasia, persiste un tasso di sequele funzionali relative ad alterazioni della sfera sessuale, urologica e relative alla continenza. Su questo tema si sono confrontati i maggiori specialisti italiani e personalità di rilievo internazionale. Tra questi Cobi Reisman, presidente della Società europea di sessuologia, e Anthony Antoniou e Joannis Constantinides del St’s Marks Academic Institute di Londra, realtà di riferimento mondiale per la chirurgia del retto.

L'app «Colorectal Digital Checklist», che sarà scaricabile da ogni piattaforma digitale a partire da gennaio, è uno strumento digitale che aiuta il paziente ad aderire in maniera ottimale al protocollo Eras (Enhanced Recovery After Surgery) che ha come obiettivo principale il miglioramento del recupero dopo la chirurgia accelerando la ripresa post-operatoria e riducendo le complicanze cliniche.
Il protocollo Eras è stato introdotto a Negrar da circa un anno per quanto riguarda la chirurgia colo-rettale. Ogni anno la chirurgia generale di Negrar effettua 500 interventi di resezione intestinale, dovuta a tumori del colon retto, malattie infiammatorie croniche dell'intestino o endometriosi. Il protocollo sarà esteso a breve anche alla chirurgia ginecologica, urologica e toracica e viene applicato grazie alla collaborazione di un team multidisciplinare e composto da chirurgo generale, anestesista, farmacista ospedaliero, dietista, fisioterapista e personale infermieristico. L'anestesista in particolare ha un ruolo fondamentale sia nella fase intra-operatoria sia in quella post-operatoria per la gestione del controllo del dolore.

La nuova app è una sorta di diario digitale che assume una funzione sia nella fase pre-operatoria sia in quella post-operatoria.
Nel periodo pre-operatorio l’applicazione fornisce una serie di informazioni per l'educazione del paziente e ricorda quotidianamente gli obiettivi da raggiungere. Il paziente viene educato attraverso informazioni utili sul regime alimentare da seguire, sul significato e sulla modalità di assunzione di alcuni integratori e sulle modalità di ottimizzare lo stato fisico pre-operatorio attraverso alcuni esercizi aerobici e non, che vengono spiegati attraverso immagini e video. Il paziente quindi compilerà l'adesione o meno ai vari obiettivi giornalieri con la possibilità di riportare eventuali problematiche e invierà il tutto al medico.
Nella fase post-operatoria, durante la degenza ospedaliera, il paziente viene educato all'utilizzo quotidiano dell'app per riportare una serie di parametri che andranno monitorati anche dopo la dimissione. Una volta a casa il paziente compila quotidianamente il questionario relativo a specifici parametri e lo invia al medico. In caso di parametri anomali il paziente sarà contattato direttamente dal medico. Il paziente in caso di dubbi può scrivere tramite l'applicazione al medico, il quale viene allertato tramite una modifica. Una volta accertato dal medico un ottimale stato post operatorio, il paziente esce dall’applicazione e tutti i dati vengono trasferiti sulla cartella clinica elettronica in totale sicurezza. Di solito questo avviene in concomitanza con il controllo post operatorio, dopo cinque giorni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Non siete soli: lettera canzone dedicata agli studenti

  • social

    La Storia di Verona: da oggi in libreria e in edicola

  • Benessere

    Melograno: antiossidante e brucia grassi, ma non solo

  • social

    4 Maggio Star Wars Day

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento