Disagio psicologico per chi gestisce da vicino l'emergenza: la ricerca va in loro aiuto

Proprio in questi giorni è partito un progetto ideato e promosso da un team della Sezione di Psichiatria del dipartimento di Neuroscienze, Biomedicina e Movimento dell'Università di Verona

Immagine generica

La pandemia Covid-19 sta sottoponendo ad un enorme sforzo organizzativo l’assistenza sanitaria del nostro Paese. Con ricadute significative in termini di surmenage lavorativo e disagio psicologico da parte del personale chiamato a gestire l’emergenza sanitaria. I fattori che incidono maggiormente sul benessere emotivo del personale sanitario sono molti: dalla complessità assistenziale dei pazienti affetti da tale patologia, al sovraffollamento dei reparti cui l’esplosione epidemica ha costretto molti ospedali, dall’incertezza legata all’interpretazione del quadro clinico e all’assenza di protocolli di trattamento consolidati al il timore per il rischio di contagio.
Proprio in questi giorni è partito un progetto di ricerca – primo in Europa - ideato e promosso da un team della Sezione di Psichiatria del dipartimento di Neuroscienze, Biomedicina e Movimento. L’obiettivo è quello di valutare l'impatto psicologico della pandemia Covid-19 sul personale universitario e ospedaliero in servizio nelle due sedi ospedaliere della Azienda ospedaliera universitaria integrata di Verona. Responsabile scientifico del progetto è Antonio Lasalvia, coadiuvato da Francesco Amaddeo e da Chiara Bonetto. Allo studio collaborano anche Stefano Porru e Angela Carta della Sezione di Medicina del Lavoro del dipartimento di Diagnostica e Sanità Pubblica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Il personale ospedaliero – spiega Lasalvia - appare ad elevato rischio di sviluppare sintomi di disagio emotivo, in termini di disturbi depressivi, d’ansia e sindrome da burn-out. Tali problemi, se non riconosciuti con tempestività e trattati con adeguati percorsi, possono danneggiare - a medio e lungo termine - i professionisti sanitari sia nella loro sfera personale e privata, sia nelle loro relazioni sociali, sia in ambito lavorativo. Questo lavoro permetterà di conoscere la reale dimensione del fenomeno, la sua evoluzione nel tempo ed i fattori critici che sono alla base dello sviluppo di problematiche psicopatologiche nel personale sanitario in corso di pandemia. Lo studio prevede una valutazione in queste settimane, la cosiddetta “fase 1 della pandemia”, una a due mesi durante la “fase 2” e ad un anno. La platea di professionisti cui si rivolge è di circa 6500 persone tra personale strutturato, universitario e ospedaliero, e specializzandi – conclude il coordinatore scientifico - promette di essere imponente, se il tasso di risposta sarà quello auspicato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Un morto ed un ferito per un incidente motociclistico a Caprino Veronese

  • Hellas Verona - Genoa, probabili formazioni | Difesa gialloblù in emergenza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento