rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
Salute Villafranca di Verona / Via Ospedale Marcello Magalini

Sarà ampliato l'ambulatorio del Magalini che tratta sovrappeso e obesità

Il progetto pilota è al momento riservato solo a una parte ristretta di medici di medicina generale che possono inviare i loro pazienti. Dall'inizio dell'attività sono stati finora valutati 47 donne e 40 uomini

In uno scenario italiano preoccupante, con il 47% della popolazione italiana in sovrappeso e l'11% che rientra nella definizione di obeso, acquista sempre più importanza l'ambulatorio Sovrappeso e Obesità dell'Adulto, all'interno dell'ospedale Magalini di Villafranca. L'equipe multidisciplinare è guidata dal dottor Paolo Garzotti, direttore della medicina interna del Magalini, ed è composta dalla dottoressa Elisa Forieri, dal dottor Luigi Coppola, dalla dottoressa Daniela Di Sarra, dalla dottoressa Silvia Carrillo, dalla dottoressa Patrizia Fiorini e dalla dottoressa Laura Dekolitscher. L'ambulantorio è al momento un progetto pilota riservato solo a una parte ristretta di medici di medicina generale che possono inviare i loro pazienti, ma sarà ampliato.

L'obesità è intesa come una patologia cronica multifattoriale complessa, causata da diversi fattori, fra cui quelli genetici, endocrino-metabolici, socio-economici e culturali. Secondo le linee dell'Oms, la classificazione della popolazione in base al peso viene fatta utilizzando l’indice di massa corporea (Bmi), considerato il più rappresentativo della presenza di grasso corporeo in eccesso. Il Bmi si calcola dividendo il peso in chilogrammi con il quadrato dell'altezza in metri. Le classi di peso per gli adulti indicate dal Bmi sono: inferiore a 18,5 (sottopeso); tra 18,5 e 24,9 (normopeso); tra 25 e 29,9 (sovrappeso); e oltre 30 (obesità).
I dati relativi alla diffusione della patologia in Italia confermano il preoccupante andamento a livello mondiale. Complessivamente, nel nostro Paese, il 47,6% dei soggetti di età superiore ai 18 anni è in eccesso ponderale e più di una persona su 10 è affetta da obesità (11,5%). E i dati della Regione Veneto rispecchiano i dati nazionali. Nel 2020, l’11,3% della popolazione veneta adulta era affetta da obesità e il 34,8% da sovrappeso. Si prevede che nel 2030, il 60% della popolazione mondiale potrebbe essere sovrappeso (2,2 miliardi) oppure obesa (1,1 miliardi).

I pazienti valutati dall’inizio dell’attività dell'ambulatorio Sovrappeso e Obesità dell'Adulto sono complessivamente 87, così suddivisi: 47 femmine e 40 maschi; età media delle femmine 50 anni; età media dei maschi 53 anni. L’ambulatorio si propone come obiettivi per i pazienti la riduzione realistica del peso, il mantenimento a lungo termine del calo ponderale ottenuto prevenendo le recidive; oltre al trattamento delle complicanze dell’obesità, al controllo del dolore in caso di osteoartrosi da peso eccessivo, alla correzione dei disturbi alimentari a causa di bassa autostima e dei disturbi della propria immagine corporea, cercando di ridurre il rischio di contrarre patologie tumorali legate all’obesità.
Fra le azioni possibili che l'ambulatorio mette in campo ci sono: modifica dello stile di vita, adeguata educazione alimentare, counselling nutrizionale specifico, piano alimentare personalizzato, eventuale prescrizione di attività motoria strutturata e adattata, trattamento specifico farmacologico e delle complicanze. E nei casi di obesità severa, i pazienti sono indirizzati in centri hub.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sarà ampliato l'ambulatorio del Magalini che tratta sovrappeso e obesità

VeronaSera è in caricamento