menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il deputato Dem veronese Diego Zardini - immagine d'archivio

Il deputato Dem veronese Diego Zardini - immagine d'archivio

Tre veneti nel governo giallorosso, Zardini: «Garanzie di impegno per nostra regione»

Così il deputato veronese Diego Zardini: «Avranno dossier complicati da affrontare»

Tre esponenti veneti entrano nella squadra del Governo Conte bis come sottosegretari, dopo la nomina di Federico D'Incà (M5S) a ministro ai Rapporti con il Parlamento.

Come riferito anche dall'Ansa, si tratta di Andrea Martella, veneziano, coordinatore nazionale della segreteria del Pd, è stato nominato sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega all'Editoria. Al ministero dell'Interno è stato invece nominato Achille Variati (Pd), già consigliere e vicepresidente del Consiglio regionale del Veneto, sindaco di Vicenza e presidente della Provincia, oltre che presidente dell'Upi. Infine, all'Economia fa ritorno Pierpaolo Baretta (Pd), che aveva ricoperto il medesimo incarico con i governi Letta, Renzi e Gentiloni. 

L’ingresso di tre veneti con una lunga esperienza amministrativa, di governo e parlamentare è stato commentato con soddisfazione dall'On. veronese Diego Zardini, quale «ultimo atto che chiude la crisi politica innescata da Salvini ai primi di agosto».

«I sottosegretari Variati, Baretta e Martella, - ha dichiarato il deputato Pd Diego Zardini - danno garanzie di impegno per la nostra regione e per l’Italia. Avranno dossier complicati da affrontare e una serie di sfide che richiedono sinergia e lavoro di squadra. Come sempre siamo pronti a collaborare sulle numerose questioni aperte in Veneto».

«Oltre alle azioni di emergenza, come la sterilizzazione dell’aumento dell’Iva, la messa in sicurezza del bilancio dello Stato ed evitare l’esercizio provvisorio, - ha spiegato Zardini - tra le priorità della nuova maggioranza ci sono il lavoro, l’ambiente e l’autonomia, a cui ha fatto esplicito riferimento il presidente del Consiglio Conte nel suo discorso. Confermata anche la politica europeista e la proiezione atlantica dell’Italia per un programma che, anche grazie alla recuperata reputazione europea e al dialogo con gli altri Paesi del mercato unico, può garantire stabilità e, ci auguriamo, una serie di politiche anticicliche per contrastare efficacemente la congiuntura economica negativa».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Non siete soli: lettera canzone dedicata agli studenti

  • social

    La Storia di Verona: da oggi in libreria e in edicola

  • Benessere

    Melograno: antiossidante e brucia grassi, ma non solo

  • social

    4 Maggio Star Wars Day

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento