rotate-mobile
Politica Zai / Viale del Lavoro

Crisi energetica, materie prime e guerra in Ucraina. Zaia: «Costi insostenibili, servono interventi d'urgenza»

«Occorre diminuire subito, e in maniera drastica, i costi energetici, a cominciare dal carburante», afferma Zaia. Anche il senatore veronese della Lega Paolo Tosato chiede al governo più coraggio nel fronteggiare la crisi: «Ai cittadini non bastano i 15 centesimi di decurtazione del costo dei carburanti»

«Il tempo delle parole è finito. Urgono immediati interventi d’emergenza per fronteggiare i rincari che stanno colpendo praticamente tutti i settori e, alla fine, la gente, consumatrice finale di ogni prodotto industriale, artigiano, agroalimentare. Il grido di dolore degli autotrasportatori e della Cna del Veneto è quello di tutta Italia». Con queste parole, il presidente della Regione, Luca Zaia, sostiene l’ennesimo allarme lanciato oggi dall’autotrasporto veneto e dalla Confederazione Nazionale degli Artigiani regionale.

Approvato il decreto salva filiere made in Italy, Zaia: «Dobbiamo puntare alla sovranità alimentare»

Il governatore Zaia ha quindi aggiunto: «Occorre diminuire subito, e in maniera drastica, i costi energetici, a cominciare dal carburante agendo su ogni leva possibile: da interventi significativi sulle accise a indagini ed eventuali provvedimenti intransigenti sulla speculazione che, ormai è evidente, si è scatenata ad ogni livello. Necessario anche, come chiede la Cna, attivare subito la cassa integrazione per le imprese che non riescono ad approvvigionarsi delle materie prime o sono costrette a farlo a prezzi fuori mercato. Senza interventi coordinati non se ne esce, e non se ne esce nemmeno senza una strategia che guardi all’immediato, ma anche al futuro».

Il presidente del Veneto ha poi sollevato nuovamente il tema di una necessaria revisione del Pnrr a fronte dell'evento, sconvolgente ed imprevisto, dello scoppio della guerra in Ucraina: «Dopo i sostegni per superare la contingenza, che rischiano di essere tardivi dopo 21 giorni di guerra - ha evidenziato il presidente Zaia - bisogna rivedere urgentemente l’intero impianto del Pnrr per destinare i fondi alle imprese e alle famiglie, prima che a obbiettivi che sono stati stravolti dagli avvenimenti e non sono più praticabili. Anche l’agroalimentare è stato fatto sprofondare in una tremenda crisi, e anche in questo caso servono interventi urgenti di sostegno alle produzioni, i cui costi ricadono alla fine sulle tavole della gente comune, ma anche uno sguardo di prospettiva: la Pac, Politica Agricola Comunitaria, è stata delineata addirittura prima del Covid e ora va profondamente rivista, facendo presto e bene», ha concluso il governatore del Veneto.

A chiedere al governo «meno timidezza» nel risposdere all'attuale scenario di crisi è stato anche il senatore della Lega Paolo Tosato, durante la sua dichiarazione di voto al "Sostegni ter" approdato per l'appunto ora in Senato: «Sosterremo il provvedimento che stiamo votando e confermiamo la fiducia al governo, ma dallo stesso pretendiamo che agisca con maggiore energia e velocità. Non è il momento per essere timidi o attendisti: il baratro è vicino, stanno insorgendo problemi circa l'approvvigionamento di cereali, mangimi, fertilizzanti per l'agricoltura, nuove drammatiche incombenze che si sommano a quelle contro cui combattiamo da mesi».

Tosato 1-2

Paolo Tosato

Il senatore veronese Paolo Tosato ha poi aggiunto: «Ai cittadini non basta il nostro massimo impegno come non bastano i 15 centesimi di decurtazione del costo dei carburanti: chiedono misure eccezionali che rispondano a tempi eccezionali. Il paese ha bisogno di coraggio e visione. La Lega ha grandi aspettative dal prossimo "decreto Energia", così come ritiene oramai fondamentale chiudere la stagione delle restrizioni, dei pass: serve uno slancio importante che dia consapevolezza e consenta a tutti di superare uno dei periodi più complicati di sempre. La Lega c'è, - ha concluso il senatore Paolo Tosato - ha fatto la sua parte e la continuerà a fare ma ci aspettiamo che il governo sia più coraggioso nell’affrontare questa drammatica crisi». 

La fine del green pass e dello stato di emergenza Covid: le scelte del governo per superare le restrizioni

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crisi energetica, materie prime e guerra in Ucraina. Zaia: «Costi insostenibili, servono interventi d'urgenza»

VeronaSera è in caricamento