Domenica, 17 Ottobre 2021
Politica Borgo Trento / Piazza Vittorio Veneto

Zaia sui migranti di San Zeno di Montagna: "La situazione rasenta il grottesco"

Il presidente della Regione Veneto interviene sull'arrivo di nuovi profughi nel territorio: "In questo caso ad essere ghettizzati saranno i residenti, il cui numero sarà minore rispetto a quelli dei clandestini, come già accaduto a Conetta nel Veneziano"

“Non paghi di quanto sta accadendo a Treviso, con presunti profughi beccati a spacciare stupefacenti, nel nostro territorio si continuano a creare ghetti ad insaputa dei sindaci e in luoghi sensibili. L’ho detto e lo ripeto: a questa migrazione non si risponde ammassando decine o centinaia di immigrati nella prima struttura libera, tanto più senza concordare alcunchè con le autorità locali che nella maggior parte dei casi si ritrovano spiazzate o giustamente arrabbiate”.
E’ il commento del governatore Luca Zaia ai due nuovi casi di “ghettizzazione” dei richiedenti asilo, che si stanno verificando nelle ultime ore a Montagnana (Padova) e a Prada di San Zeno di Montagna.

“Tralascio di ricordare al Governo le recenti dichiarazioni del premier, che aveva assicurato ‘Nessun profugo in località turistiche’. Abbiamo visto com’è andata a Eraclea. Per quanto riguarda Montagnana, vorrei sottolineare come porre 50 migranti all’ex Mausoleo, a due passi da una palestra e dal Villaggio della Gioventù, sia una follia, per non parlare dei problemi igienico sanitari che legittimamente preoccupano sindaco e famiglie e sui quali vigileremo attentamente. A Prada, la situazione rasenta il grottesco: nella piccola frazione veronese, ben 80 richiedenti asilo dovrebbero essere ospitati in una struttura inagibile da 31 posti letto. In questo caso ad essere ghettizzati saranno i residenti, il cui numero sarà minore rispetto a quelli dei clandestini, come già accaduto a Conetta nel Veneziano. Definirle ‘follie’ è minimizzare”.
“Quando ribadisco il mio no ai ghetti – conclude Zaia -, sottintendo anche il no ad una accoglienza diffusa e generalizzata di immigrati di cui non sappiamo nome, provenienza, storia ed intenzioni, e che per la massima parte sono clandestini senza diritto di asilo. Clandestini che, peraltro, sarà difficilissimo rimpatriare, perché diverranno fantasmi sul nostro territorio, senza lavoro ed integrabili solo nelle reti della criminalità. Il Governo si svegli e metta fine a questa invasione, intervenendo laddove i migranti partono ed identificando in loco coloro che hanno reale diritto a protezione umanitaria”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zaia sui migranti di San Zeno di Montagna: "La situazione rasenta il grottesco"

VeronaSera è in caricamento