Zaia: "Condivido le preoccupazioni Glaxo sui tagli del governo"

Il presidente della regione Veneto accoglie e condivide l'appello lanciato da Luc Debruyne, manager del colosso farmaceutico

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeronaSera

Condivido le analisi e le preoccupazioni espresse dal general manager della Glaxo Luc Debruyne. Peraltro sin dal primo giorno come Regione Veneto abbiamo profuso tutto l’impegno possibile, usando anche toni forti per evidenziare al Governo i gravi errori che si stanno compiendo. Giusto è ridurre la spesa pubblica, sbagliato è farlo senza preoccuparsi di non intaccare le eccellenze”.

Lo sottolinea il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia, rispondendo all’appello rivolto dalla GlaxoSmithKline ai presidenti di Veneto ed Emilia Romagna (le due Regioni dove sono attivi gli stabilimenti italiani della multinazionale) in materia di spending review. “I tagli lineari che il Governo di Roma ha disegnato sono inaccettabili e faranno solo male – aggiunge Zaia - perché trattano allo stesso modo le eccellenze, che dovrebbero essere salvaguardate, e gli sprechi con i relativi costi, sui quali invece ci sarebbe molto da lavorare e da risparmiare. Come stiamo dicendo da tempo, infatti, basterebbe applicare i costi standard, che servono al Veneto per essere la prima Regione virtuosa d’Italia, a tutte le Regioni che segnalano bilanci disastrosi”.

“La farmaceutica e le strutture produttive e di ricerca – prosegue Zaia - sono incontrovertibili eccellenze, quanto meno in Veneto, e come tali noi le difenderemo, come stiamo difendendo ogni aspetto di questa Regione virtuosa sulla quale si vuole inopinatamente abbattere la scure di una spending review così miope ed irragionevole”. “Mi dichiaro sin d’ora pronto – conclude Zaia – ad incontrare il collega presidente dell’Emilia Romagna Vasco Errani per affrontare assieme l’intera questione”.

Torna su
VeronaSera è in caricamento