Villa Pullè, dal degrado al recupero. Ass. Segala: "Avanti col parco in tempi certi"

Non ha dubbi l'Ass. alla Pianificazione urbanistica Ilaria Segala che garantisce: "Dopo anni di stallo, chiacchiere e zero fatti, abbiamo ottenuto la tempistica dall'Inps per il recupero"

Villa Pullè e l'Ass. Ilaria Segala - ph Facebook

«Villa Pullè è rimasta dimenticata a lungo e anche gli ultimi atti della precedente amministrazione hanno portato a nulla di fatto. Mi fa piacere che l'onorevole Paternoster, dal suo ruolo parlamentare, ci dia una mano per concludere, dopo che a ottobre scorso ho preso carta e penna per sollecitare l'Inps, proprietaria dell'immobile, che finalmente ci ha ufficializzato le sue azioni. Fino ad ora, il recupero del complesso viveva solo in qualche annuncio, protocolli e delibere a cui non è stato dato seguito. Noi ce ne siamo occupati per davvero, con un confronto tra Comune e proprietà che ha portato ad una soluzione certa e condivisa». Cosi l’assessore alla Pianificazione urbanistica Ilaria Segala, che ricorda le tappe più recenti in merito alle proposte di recupero di Villa Pullè.

«L'accordo di intesa fra Comune e Inps era stato recepito nella delibera del 14 giugno 2016, con la quale si annunciava anche di impegnare 30 mila euro per la sistemazione del parco. Da allora, più nulla. Fino al 10 ottobre 2017, quando ho contattato l’Inps per fissare un incontro, avvenuto il successivo 6 novembre. Quindi, il 3 agosto, l’invio all’Inps di una lettera in cui si chiedevano le intenzioni sull’utilizzo della villa».

Al quesito, l’Inps aveva risposto rendendo noto di aver avviato l’iter per conferire Villa Pullè al fondo immobiliare chiuso i3-Silver. Il conferimento al fondo, che è di proprietà di Invimit Sgr Spa, società completamente controllata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, dovrebbe completarsi entro la fine di quest’anno.

«Dopo anni di chiacchiere e zero fatti, ora abbiamo un dato certo su cui lavorare - aggiunge l’assessore Segala -. L’assegnazione dell’immobile al fondo i3 –Silver, infatti, ci permette di avere certezza sui progetti dell’Inps e ci auguriamo che anche i tempi lo siano. Come già ribadito e ampiamente dimostrato con i fatti, la volontà dell’Amministrazione è quella di recuperare il parco antistante la villa per metterlo a disposizione di tutto il quartiere. Aspettiamo che si concludano le procedure burocratiche per confrontarci direttamente con Invimit Sgr ed per entrare in possesso dell’area di verde. Il Comune, questa volta, la sua parte l’ha fatta davvero».

La villa è già stata inserita dall’Inps nell’elenco degli immobili selezionati come probabile destinazione a “senior housing” e per questo è oggetto di due diligence con l’obiettivo di valutarne il valore, prima del conferimento nel fondo. Il Mibact – Segretariato regionale per il Veneto ha già autorizzato il passaggio e, entro fine anno, lo storico immobile sarà conferito al fondo i3-Silver.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Artigiano muore folgorato in strada mentre lavora: inutili i soccorsi del 118

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Finta concessionaria nel Veronese per truffare i clienti, denunciato 21enne

  • Trovano un vero arsenale nella sua casa: 42enne finisce in manette

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 17 al 19 gennaio 2020

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

Torna su
VeronaSera è in caricamento