rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Politica

Traguardi: «Qualcuno avverta la Biblioteca Civica che non siamo più in zona rossa»

Sul piede di guerra la vicepresidente Beatrice Verzè ed il consigliere Ferrari: «Siamo stanchi di dover reclamare l’apertura e il ripristino di servizi che dovrebbero essere essenziali»

«Qualcuno avverta la Biblioteca Civica che non siamo più in zona rossa! Nonostante il passaggio di colore, che il sito del servizio bibliotecario non ha ancora registrato (https://abv.comune.verona.it/), e i ripetuti appelli di Traguardi, la consultazione, previo appuntamento, in Biblioteca Civica non è stata ripristinata, e negli ultimi giorni sono stati moltissimi i veronesi che si sono scontrati anche con l'impossibilità di prendere in prestito una parte dei libri, a causa di un trasloco dei magazzini che si prevede durerà mesi». È quanto si legge in una nota dello stesso movimento civico Traguardi che giudica la «sospensione dei servizi» priva di «alcuna valida giustificazione, né nei lavori di ristrutturazione attualmente in corso, né tantomeno nella situazione pandemica».

Avviso 21 aprile 2021

Avviso sito web - 21 aprile 2021

A levare gli scudi è in particolare la vicepresidente di Traguardi Beatrice Verzè, la quale all'inizio dell'anno aveva già sostenuto la manifestazione "Fateci studiare": «È inaccettabile ritrovarsi ancora in queste condizioni e che i disservizi, invece di diminuire, siano addirittura aumentati rispetto ai mesi scorsi. Non abbiamo mai chiesto l’impossibile, - afferma Beatrice Verzè - ma semplicemente di usufruire degli spazi e dei servizi della Biblioteca Civica. Per quanto riguarda gli studenti, lo squilibrio tra chi frequenta l’ateneo cittadino, e quindi ha a disposizione le biblioteche universitarie, e chi invece è fuorisede è sempre più profondo, come se gli studenti veronesi non avessero tutti il medesimo diritto allo studio. Un disagio che permane e che non trova risposte concrete, e che riguarda anche chi frequenta le scuole superiori, studenti che in tempi normali rappresentano una grande fetta di utenti delle biblioteche, Civica in primis».

Sul tema è quindi intervenuto anche il consigliere comunale di Traguardi Tommaso Ferrari: «A questi disagi che denunciamo da tempo, se ne sono aggiunti di recente di nuovi, legati ai lavori avviati nei depositi della Biblioteca Civica, che hanno escluso dal prestito una parte delle collezioni. - spiega il consigliere comunale Tommaso Ferrari - Un problema che si poteva evitare preparando un bando adeguato, che imponesse alle società cui è affidata la custodia del patrimonio librario di renderlo disponibile durante tutta la durata dei lavori. Ci sono già arrivate le prime segnalazioni di cittadini, e per questo invitiamo la direzione e l'amministrazione a intervenire prima che sia troppo tardi. Siamo stanchi di dover alzare la voce e, ogni volta che la Regione passa da un colore all'altro, tornare a reclamare l’apertura e il ripristino di servizi che dovrebbero essere essenziali, ma - conclude Tommaso Ferrari - è forse l’unico modo per evitare che il problema venga costantemente minimizzato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traguardi: «Qualcuno avverta la Biblioteca Civica che non siamo più in zona rossa»

VeronaSera è in caricamento