Domenica, 17 Ottobre 2021
Politica Centro storico / Piazza Brà

Verona, lui per sostituire Giacino: Tosi sceglie Francesco Marchi nuovo assessore all'Urbanistica

Il sindaco fa la prima mossa sul tanto atteso rimpasto nella sua Giunta. All'ex segretario comunale di Verona le deleghe all'Edilizia privata ed economico popolare. Lui: "Mi dichiaro apolitico. Sono un tecnico"

Eccolo, il tanto atteso rimpasto in Giunta. Il sindaco Flavio Tosi ha nominato Francesco Marchi assessore all'Urbanistica, con deleghe anche all'Edilizia privata, Edilizia economica popolare, Risorse comunitarie, Estimo. Marchi subentra, nelle deleghe attribuitegli, agli assessori Stefano Casali e Pierluigi Paloschi Francesco Marchi, nato a Scansano il 12 febbraio 1944, è stato segretario generale a Monte Argentario, Udine, Trieste e Verona.

"Una nomina non politica, ma tecnica – commenta Tosi- che nasce dalla necessità di individuare una persona di alto profilo, di grande competenza professionale e con una conoscenza approfondita della macchina amministrativa. Il dottor Marchi ha i requisiti giusti per garantire la continuità amministrativa, con una capacità operativa immediata, che una figura scelta all’esterno non avrebbe potuto garantire. E’ al servizio del Comune di Verona come segretario generale dal 2002, scelto dall’amministrazione di centrosinistra del sindaco Zanotto e riconfermato nel 2007 dall’amministrazione Tosi, proprio per la fiducia e la stima personale”

Mi ritengo totalmente apolitico –afferma il nuovo assessore Marchi- come tutta la mia carriera sta a dimostrare. Credo infatti di essere uno dei pochi Segretari generali in Italia riconfermati da Amministrazioni di diverso colore politico: sono stato nominato a Trieste dal Sindaco di centrosinistra Illy e riconfermato dalla successiva Amministrazione di centrodestra e anche a Verona sono stato chiamato da un Sindaco di centrosinistra e riconfermato da uno del centrodestra. Intendo lavorare quindi per il bene della città, cercando di far funzionare con la massima efficienza la macchina amministrativa, per dare risposte adeguate alle esigenze delle attività economiche e delle imprese, che hanno necessità di uscire dalla crisi e di ripartire”.

IL CURRICULUM DEL NUOVO ASSESSORE ALL'URBANISTICA (PDF)

REAZIONI - Non proprio felice della nomina è il Partito Democratico di Verona: "Con il dovuto rispetto per l'interessato - spiega Michele Bertucco, capogruppo in Consiglio comunale - in considerazione dell'indiscussa professionalità che ha saputo dimostrare in tanti anni di competente servizio in Comune, non può essere l'ex segretario generale comunale Francesco Marchi il simbolo della rinascita e del cambio di marcia di questa amministrazione. Mentre presta opera di consulenza a titolo gratuito nei confronti dell'amministrazione, l'immarcescibile Marchi riceve dalle partecipate contratti di consulenza retribuiti. Ne sono stati accertati alcuni in Agsm, mentre la Fiera rifiuta di rendere pubblici i dati delle sue consulenze appellandosi ad una sorta di segreto di Stato. Niente di illegale né di inopportuno, si tratta semplicemente di chiamare le cose col loro nome e di smetterla di giocare al gioco delle tre carte. In urbanistica, poi, le competenze giuridiche sono necessarie ma non sufficienti, soprattutto se si deve mettere le mani nel vespaio lasciato in eredità da Giacino che lo stesso Sindaco mostra peraltro di apprezzare sopra ogni cosa".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona, lui per sostituire Giacino: Tosi sceglie Francesco Marchi nuovo assessore all'Urbanistica

VeronaSera è in caricamento