Cimitero verticale, il sindaco Tosi commenta: "È una risorsa per le casse pubbliche"

In molti sono contrari alla costruzione di un cimitero verticale a Verona, compresi alcuni esponenti della maggioranza in Consiglio Comunale, ma Flavio Tosi non intende rinunciare al progetto e per un preciso motivo

Giovedì 29 ottobre, in serata, il centro destra scaligero ha manifestato davanti a Palazzo Barbieri contro il Cimitero Verticale. Ma colui che "siede sul trono" di Palazzo Barbieri è tutt'ora favorevole al progetto. Stiamo parlando del sindaco di Verona Flavio Tosi, che in una lunga intervista al quotdiano L'Arena tratta diversi temi caldi della sua amministrazione, tra cui il tanto contestato cimitero.

A una domanda sul futuro del progetto, il primo cittadino scaligero risponde: "Per il cimitero verticale l’iter è semplice. Abbiamo scartato Fondo Frugose perché la settima circoscrizione ha detto no e il Consiglio comunale ha ascoltato la richiesta del territorio. Ma siccome servono risorse per le casse pubbliche e qui si tratta non di una speculazione su terreni privati ma di valorizzare un’area comunale, noi andiamo avanti e lo faremo dove ci sarà una Circoscrizione che darà parere favorevole all’opera".

L'intervistatore de L'Arena chiede dettagli e alla domanda su come verrebbero dunque impiegati gli 11 milioni di euro che entrerebbero nelle casse del comune per la concessione di un terreno per il cimitero verticale, Tosi risponde: "Metà di queste risorse verranno utilizzate a favore della Circoscrizione che ospiterà il grattacielo per lavori pubblici e strade mentre gli altri 5 milioni andranno a sistemare l’emergenza dell’edilizia scolastica, per mettere cioè a norma le scuole".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tra i tanti temi trattati nell'intervista, anche la spinosa questione Ca' del Bue: "Faremo di sicuro una ricostruzione storica dei passaggi amministrativi per dimostrare che noi portiamo avanti e diamo attuazione alle decisioni prese dalla Regione che è l’unico organismo competente per programmare la gestione dei rifiuti. Se la Regione, che aveva detto chiaramente con una commissione tecnica che cosa deve essere Ca’ del Bue, ora ci ripensa e lo vuole eliminare, pagherà i danni a Urbaser. È lei l’unica responsabile del percorso amministrativo e non può far finta di nulla rispetto alle decisioni prese in passato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attaccata sotto la sedia, nascondeva una scatola con quasi mezzo chilo di coca

  • Coronavirus: Verona segna ancora il peggior aumento di casi positivi totali in Veneto

  • Ancora un dramma sulle strade: motociclista muore dopo lo scontro con un cervo

  • Ricercato in tutta Europa, viene scoperto ed arrestato dai carabinieri di Legnago

  • Movida in Erbe a Verona: immagini denuncia sui social (e le webcam registrano tutto)

  • Quante persone posso invitare a pranzo o cena in casa mia secondo le norme in Veneto?

Torna su
VeronaSera è in caricamento