Variante 23 per la terza circoscrizione. Il PD chiede quattro rotatorie

Resta negativo il giudizio sulla variante al Piano degli Interventi e gli oneri di compensazione dei privati andrebbero utilizzati subito per potenziale la viabilità

Incrocio tra corso Milano e viale Manzoni, dove il PD ha chiede una rotatoria (foto GMaps)

Continua il confronto tra l'assessore all'urbanistica di Verona Caleffi e le circoscrizioni sulla variante 23 al Piano degli Interventi. Caleffi si è detto disponibile ad ascoltare e valutare i contributi positivi che possono essere proposti dalle diverse zone della città e il PD della terza circoscrizione prova ad approfittarne, partendo però da un giudizio negativo sulla variante. "La previsione di insediamenti commerciali, residenziali e di servizi molto invasivi non è corrispondente alle reali esigenze del territorio e lo metterà in ulteriore sofferenza".

L'ampliamento di Rossetto in corso Milano per 11 mila metri quadri di nuova superficie commerciale, il carico residenziale aggiuntivo al Chievo che in totale ammonta a ben 30 mila metri quadri, la previsione di impianti sportivi alla Spianà al posto del parco richiesto da tutti i cittadini, sono alcuni esempi ritenuti sbagliati dagli esponenti democratici, che chiedono che gli oneri e le opere compensative dei privati siano utilizzati subito per potenziale la viabilità. "Sarebbe opportuno realizzare con le opere compensative (quindi a costo zero per il comune) quattro rotatorie - fanno sapere dal PD - La prima, nel quartiere stadio, tra via Da Vinci e via Cristofoli. La seconda e forse più importante è quella tra viale Manzoni e corso Milano. La terza è una rotonda strategica per San Massimo, che permetterebbe l’uscita dal quartiere, in direzione Lugagnano, posta nell’incrocio tra via Romagnoli, Urbano III, via Lugagnano e via Anselmi. La quarta rotatoria andrebbe posizionata tra via Albere e via della Spianà così da risolvere definitivamente il problema di congestionamento da traffico tra lo Stadio e Santa Lucia".

Diverso invece l'approccio del M5S, sempre critico nei confronti della variante 23. "L'assessore Caleffi, braccio operativo di Tosi, ha una gran fretta elettorale di portare a casa le regalie ai palazzinari della collina e dei centri commerciali - ha dichiarato il consigliere Gianni Benciolini - Se alle prossime amministrative vincesse il M5S l'assetto urbanistico verrebbe rivisitato in toto".

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Verona usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va allo Spi per un controllo: 70enne scopre che l'inps gli deve quasi 37 mila euro

  • Protagonista del servizio di "Striscia la Notizia", aggredito e derubato in città

  • Illasi, non digerisce un commento negativo della suocera e l'accoltella

  • Boato nella notte a Verona: bancomat assaltato e ladri in fuga col denaro

  • Scomparso da Sant'Ambrogio di Valpolicella, 18enne ritrovato a Portici

  • Controlli notturni dei carabinieri di Legnago e San Bonifacio per contrastare i furti in casa

Torna su
VeronaSera è in caricamento