Politica

Sanità, Valdegamberi: “Si rivedano i perimetri territoriali delle Ulss”

Con il nuovo piano socio sanitario, in corso di approvazione in regione, il consigliere regionale in quota all’Udc Stefano Valdegamberi scrive in una nota che “devono essere rivisti, da subito, i perimetri territoriali delle Ulss

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di VeronaSera

Con il nuovo piano socio sanitario, in corso di approvazione in regione, il consigliere regionale in quota all’Udc Stefano Valdegamberi scrive in una nota che “devono essere rivisti, da subito, i perimetri  territoriali delle Ulss. I confini amministrativi delle Ulss venete sono spesso inadeguati  in relazione all'erogazione dei servizi. Occorre, pertanto, che siano rivisti e ripensati con criteri di funzionalità e fruibilità dei servizi, a partire dagli ospedali di rete per arrivare ai servizi sociali. Vanno superati anche gli ambiti amministrativi provinciali. Ospedali come quelli di Legnago e San Bonifacio, ad esempio, hanno sicuramente dei bacini d'utenza che vanno oltre la propria Ulss e la stessa  provincia di Verona. La logica funzionale porterebbe al superamento di tanti problemi, come la gestione delle emergenze, degli accessi alle strutture, etc  che oggi nascono a causa del diverso ambito amministrativo di appartenenza dell'utenza. Questo permette una maggiore efficienza, efficacia ed economicità dei servizi sanitari e socio-sanitari, mettendo al centro la persona e i suoi bisogni invece che interessi di natura politico-amministrativa”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sanità, Valdegamberi: “Si rivedano i perimetri territoriali delle Ulss”

VeronaSera è in caricamento