rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Politica Valverde / Via della Valverde

"Dopo l’utero in affitto possiamo ancora chiamare l’8 marzo la Festa della Donna?"

È la consigliera regionale tosiana Giovanna Negro a porre tale quesito e a spingere la mozione presentata da Fare! perché questa pratica, definita "inumana", venga dichiarata reato

"Dopo l’utero in affitto possiamo ancora chiamare l’8 marzo la Festa della Donna?" A chiederselo è la consigliera tosiana Giovanna Negro, capogruppo di Veneto del Fare! in Consiglio Regionale.

"La Giornata internazionale dedicata alle donne ricorre domani – spiega la consigliera - per ricordare le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne, ma anche le discriminazioni e le violenze che hanno subito e subiscono ancora, in molte parti del mondo. Da donna, ritengo che l’utero in affitto sia una di queste ultime e mi chiedo se l’8 marzo abbia ancora lo stesso significato: dov’è la dignità del corpo femminile nella maternità surrogata, una pratica finalizzata alla produzione di corpi destinati allo scambio, spesso economico. È una forma di sfruttamento e mercificazione del corpo femminile che arriva dopo anni di battaglie e conquiste civili proprio da parte delle donne per vedere garantita la loro dignità e il diritto a gestire in modo consapevole il proprio corpo".
"Oggi l’utero in affitto – prosegue la tosiana - rischia di essere un’ovvia conseguenza alla riforma della legge sulle adozioni. Il dibattito al Governo è ancora in corso e rischia di aprire la porta ad una pratica inumana già utilizzata in altri paesi come ad esempio il Bangladesh, Thailandia, Cina, Grecia, Russia, Ucraina Spagna, Regno Unito, Canada e alcuni stati Usa. Per questo, pochi giorni fa, noi tosiani abbiamo presentato in Consiglio Regionale una mozione che impegna la Giunta ad attivarsi presso il Governo e l’Europa perché l’utero in affitto venga definito un reato a livello internazionale. Siamo curiosi di vedere chi la voterà in Consiglio regionale, e chi la raccoglierà in Parlamento. Nessun essere umano può essere ridotto ad oggetto – prosegue Negro - base fondamentale della stessa civiltà europea. L'8 marzo è una giornata che, soprattutto nell'ambito delle associazioni femministe, è simbolo delle disparità e dei soprusi che la donna ha dovuto subire nel corso dei secoli. Col passare degli anni il vero significato di questa ricorrenza è andato via-via sfumando, ma oggi noi tosiani vogliamo ricordarlo, proprio con questa mozione. Non possiamo accettare, solo perché la scienza lo ha reso possibile, e in nome di presunti diritti individuali, che le donne e i loro corpi tornino ad essere degli oggetti 'a disposizione', e lo affermiamo con maggiore forza proprio in vista della giornata dedicata alle donne”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Dopo l’utero in affitto possiamo ancora chiamare l’8 marzo la Festa della Donna?"

VeronaSera è in caricamento