Politica Centro storico / Piazza Bra

Verona verso il voto: per la poltrona di Sindaco spunta l'undicesimo candidato (forse)

Si chiama Franco Bruno, ha 37 anni ed è di Bolzano. È il fondatore del movimento politico "La catena" e dopo averci provato a Trento, ora vorrebbe fare il candidato Sindaco a Verona

foto frame Youtube Franco Bruno

Nelle ultime ore è spuntato il nome di un possibile nuovo candidato Sindaco alle prossime elezioni amministrative di Verona. Si tratta dell'ex imprenditore edile del Trentino (nato a Bolzano) Franco Bruno. Il quotidiano L'Arena lo ha intervistato dandogli modo di esporre la sua proposta nel corso di un video: "Non se ne può più - sostiene Franco Bruno - devono andarsene tutti a casa, noi siamo pronti a bloccare la città di Verona per tre giorni per poi coinvolgere anche le altre città d'Italia".

Quale sarebbe il fine di una simile iniziativa non è dato comprenderlo, ciò che invece è un po' più interessante, ad esempio, è sapere che il 37enne Franco Bruno in passato ci aveva già provato a candidarsi alla poltrona di primo cittadino. Era accaduto nella città di Trento nel 2015, anche in quel caso con la lista da lui creata "La catena", i cui anelli appunto rappresenterebbero "l'unione dei cittadini". All'epoca sosteneva di essere contro Equitalia, contro i profughi, le moschee e i centri sociali, insomma un programma non esattamente "inedito".

Ad ogni modo, per potersi candidare anche a Verona, il "rivoluzionario antipartitico", così come lo stesso Franco Bruno ama definirsi, ha bisogno delle firme necessarie per depositare la lista che al momento ancora non ci sono. Per questo è sceso in piazza Bra già nella giornata di ieri, mentre sul giornale da lui fondato "La Rivoluzione", è possibile trovare tutte le informazioni per aderire alla sua proposta politica.

In merito, vale la pena citare dalla pagina ufficiale del movimento "La Catena" la posizione di Franco Bruno sull'Euro e il mercato unico europeo: "Uscita immediata dall’euro tenendo la moneta attuale ed espatrio immediato dei clandestini e blocco extracomunitari tenendo l’Italia come ex impero romano. Il destino mi fa sentire come nuovo condottiero". Se vi pare di aver già sentito dire cose simili, ebbene non siete gli unici. Ad ogni modo lo stesso Franco Bruno rivendica di ispirarsi ai "Forconi", ma la sua sarebbe una "rivoluzione legale" e "senza armi", nonostante la presenza minacciosa di un'ascia nel simbolo del movimento "La catena".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verona verso il voto: per la poltrona di Sindaco spunta l'undicesimo candidato (forse)

VeronaSera è in caricamento